Pd: Appello agli elettori

Una lettera aperta firmata da diversi nomi della politica locale e non inviatano al voto di domenica 14 ottobre

Tra poche ore si voterà per eleggere i rappresentanti alle nostreassemblee nazionale e regionale.

Negli ultimi due mesi ci sono stati confronti, dibattiti e interviste tra i diversi candidati. Tutti hanno avuto modo di ascoltare, leggere e riflettere.

Per quanto ci riguarda ci sentiamo di scrivervi quella che è la nostra idea di politica e di partito.

Vogliamo una politica non gridata, una politica che emoziona, ma che non crea gli “ultras della curva”. Vogliamo una politica per e non contro. Una politica che è morale, ma non moralista. Una politica che dice si e dice anche no, ma che sempre sa che le proprie ragioni non sono i torti degli avversari. Una politica ricca di valori, ma che rifiuta la visione salvifica dell’impegno. Una politica che rifiuta ogni presunzione di superiorità perché conosce i propri limiti.

Vogliamo un partito che dice quello che pensa e fa quello che dice. Un partito dove la parola gratuità ha un senso antico, ma anche attuale. Dove il noi prevale sull’io. Dove la gente è libera e crede nella libertà. Dove il pluralismo è la regola e non l’eccezione. Dove l’ipocrisia e la falsità sono bandite.

Un partito che raccoglie le intelligenze e non un partito di intelligenti. Un partito dove i giovani sanno prendere il testimone in ragione della capacità dei vecchi di trasmettere sapere, cultura, amore, passione.

Un partito di tutti, del giovane, della donna, dei vecchi, degli operai e dell’artigiano, dell’insegnante e dell’industriale, ma sempre un partito “del modesto benessere” perché veramente popolare e della gente comune, quella che sperimenta la difficoltà del vivere quotidiano e che non si perde mai d’animo perché crede nella libertà, nella solidarietà e nella sussidiarietà.

In queste cose noi crediamo e per queste ci sentiamo di impegnarci nell’oggi e nel domani.

Noi pensiamo che Veltroni e Franceschini siano le persone che meglio possono interpretare e lavorare per questa idea di politica e per questo partito. Pensiamo che Veltroni e Franceschini siano i leader politici che meglio di altri possono raccogliere intorno a loro e al Partito Democratico forze nuove.

Perché “ alcuni uomini vedono le cose come sono e dicono: Perché?. Io sogno le cose come non sono mai state e dico: Perché no?” ( Bob Kennedy )

Perché come ha scritto il Poeta: “O la immaginazione tornerà in vigore, e le illusioni riprenderanno corpo e sostanza in una vita energica e mobile, e la vita tornerà ad essere cosa viva e non morta, e la grandezza e la bellezza delle cose torneranno a parere sostanza, e la religione riacquisterà il suo credito; o questo mondo diverrà un serraglio di disperati, e forse anche un deserto. So che questi parranno sogni e follie, come so ancora che chiunque trent’anni addietro avesse preannunziata questa immensa rivoluzione di cose e di opinioni della quale siamo stati e siamo spettatori e parte, non avrebbe trovato chi si degnasse di mettere in beffa il suo vaticinio.” ( Giacomo Leopardi 1830 )

E perché nel mondo della fine delle ideologie e del pragmatismo sganciato dalla coerenza, o la politica riprende a far sognare e sa ritrovare la capacità di dare motivazioni o non saprà chiamare a raccolta il protagonismo dei cittadini e le migliori  risorse umane ed intellettuali del nostro Paese. E questo, per noi, non è più  tempo per sprecare talenti.

 

Per queste ragioni, per questi motivi è importante andare a votare e far votare. Anche chi non la pensa come noi.

 

 

Rossi Paolo

Ampollini Maurizio

Astuti Samuele

Buonanno Giacomo

Carabelli Claudio

Carabelli Luisa Claudia

Caruggi Mauro

Cattaneo Giovanni

Centanin Donatella

Chiarella Rita 

Dalese Fabio

Fachini  Francesco

Fusi Marinella

Ielmini Ercole

Landoni Vittorio

Lucchini Samuel

Molinari Roberto

Nava Umberto

Oprandi Luisa

Paganini Eugenio

Paolini Nino

Perazzolo Bruno

Perazzolo Laura

Picco Bellazzi Walter

Porro Gerolamo

Rattaggi Attilia

Rizzolo Paolo 

 

 

Candidati per le liste: “Democratici Lombardi per Veltroni” e “Democratici Lombardi per Veltroni e Martina”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.