Più controlli al confine con la Polizia di frontiera

Il commissariato di Polizia di Luino ha attivato un nuovo servizio di pattugliamento del confine con i primi risultati

Confini più sicuri con la Polizia di frontiera luinese che da poche settimane ha inziato a pattugliare il confine con posti di blocco sulle principali arterie che collegano l’Italia con la Svizzera tra Zenna e Gaggiolo. I primi risultati sono già arrivati a conferma dell’utilità di questo servizio con la denuncia, a Porto Ceresio, di un cittadino italiano che si era reso responsabile di un tentato furto in territorio elvetico e, sfuggito ad un posto di blocco della Polizia svizzera, è stato fermato dalla volante che ha rinvenuto nella sua auto numerosi arnesi da scasso: l’uomo è stato denunciato per possesso di arnesi da scasso.

A Maccagno, sempre nell’ambito di controlli di frontiera, è stato fermato un cittadino ucraino senza permesso di soggiorno a bordo di un’auto guidata da un italiano; per l’ucraino è scattata l’espulsione dal territorio nazionale mentre per l’italiano la denuncia per favoreggiamento. Molti anche i controlli effettuati dal settore di Polizia investigativa con la scoperta di un giro di ricette farmaceutiche false. Gli investigatori,  entrati in possesso di alcuni certificati,
che già davano un certo sospetto ai vari farmacisti del Luinese, della Valcuvia
e del Lavenese, dopo accurati esami tecnici su tali documenti , hanno riscontrato
la falsità degli stessi, per cui scattavano alcune perquisizioni, che hanno portato
al sequestro di alcuni medicinali acquistati con tali ricette ed alla denuncia
di 2 persone per falsificazione di documenti, timbri e certificati medici
. I controlli al mercato di Luino, invece, hanno portato al fermo di due cittadine rumene nell’ambito del servizio anti-taccheggio.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.