Quando chirurgia fa rima con solidarietà

Il professor Campanelli dell'UnInsubria pronto ad una "missione" di lavoro nelle zone più povere della Repubblica Dominicana

A novembre di quest’anno per una settimana, il Professor Giampiero Campanelli, Ordinario di Chirurgia generale all’Università dell’Insubria di Varese,  Direttore dell’ Unità di Chirurgia Day & Week Surgery all’interno del Gruppo Multimedica di Castellanza e segretario generale dell’European Hernia Society (EHS), partirà per una nuova avventura umanitaria per portare la speranza laddove sembra essere svanita.

Da Castellanza a Santiago, in Repubblica Dominicana, per una settimana di solidarietà, durante la quale il professor Giampiero Campanelli cercherà di sconfiggere una delle patologie più frequenti come l’ernia, che in Repubblica Dominicana è completamente trascurata.

Nella missione cattolica rurale fondata da Padre Ernesto Traviesio è nato un centro chirurgico dotato di tre sale operatorie sotto l’egida dell’Institute for Latino American Concern (ILAC).

Tale centro, che gode della cooperazione della Creighton University del Nebraska e dell’American Hernia Society, si trova in una area completamente rurale e funziona solamente in occasione di missioni organizzate. Il Prof. Campanelli sarà accompagnato da un’equipe di chirurghi generali nell’ambito di “Hernia Project”, l’iniziativa benefica che ha preso il via nel 2003 con l’obiettivo di sconfiggere questa patologia che ha un enorme impatto sanitario ed economico, in particolare sulla fascia giovanile della popolazione, portando un alto tasso di invalidità. La maggior parte della popolazione dominicana, infatti, è contadina ed una semplice ernia trascurata può ingrossarsi fino ad impedire loro alcuni movimenti necessari al lavoro, con la conseguenza di non avere mezzi di sostentamento. Nelle peggiori ipotesi le ernie trascurate possono dare origini a complicanze gravi con l’instaurarsi di quadri peritonitici che possono causare la morte.

Grazie ad una vasta campagna di solidarietà americana sono stati messi a disposizione i fondi necessari per la realizzazione di queste missioni .

È qui che dal 5 al 12 Novembre prossimi il Professor Campanelli insieme alla sua equipe metteranno a disposizione la loro opera per aiutare a sconfiggere questa patologia anche per formare professionalmente chirurghi e infermieri del posto, nella speranza di dar loro un’autonomia gestionale.

Anziani, adulti, donne e bambini tra le mura spoglie di una sala operatoria nata in mezzo al nulla ritroveranno il sorriso. 

Eseguire interventi chirurgici in un’area così povera – dice il Professor Campanelli  – è al tempo stesso giusto, gratificante e pienamente in linea con i veri obiettivi della nostra professione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.