Quando la Lega voleva la Montalcini a Varese

Elio Giacometti stigmatizza le dichiarazioni di alcuni esponenti leghisti che hanno votato contro i finanziamenti al centro Ebri e ricorda un fatto di alcuni anni fa

 
 
 
Pubblichiamo le dichiarazioni di Elio Giacometti, segretario della federazione di Varese dei Comunisti Italiani

In
Senato nei giorni scorsi i deputati della Lega si sono letteralmente
accaniti contro la Senatrice Levi Montalcini; hanno sorpassato i toni e
i contenuti del dibattito politico ed hanno offeso la persona con
l’intento di intimidire. Tentativo inutile a cui la Senatrice ha
risposto con i fatti e con le parole dicendo di voler esercitare il suo
dovere di cittadina. Che la Lega vada oltre nelle sue manifestazioni è cosa nota
e deriva anche  dallo zelo servile che deve spesso dimostrare, ma qui
c’è anche ipocrisia. Vorrei ricordare che nel 2002 la Giunta provinciale a guida
leghista invito’ il premio Nobel Rita Levi Montalcini a Varese, ebbe
parole di grande apprezzamento per la persona e per la sua opera e ,
con il voto unanime del Consiglio provinciale, offri’ la nostra
provincia come sede del Centro ricerche sul cervello EBRI promosso
dalla scienziata. Purtroppo l’iniziativa non ando’ in porto. Ora in Senato i deputati leghisti hanno votato contro un
finanziamento, peraltro simbolico al Centro EBRI, e soprattutto si
sono avventati come dobermann contro la Senatrice.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.