Rapina la banca con un foglio di carta

Il malvivente ha minacciato di far saltare la banca con un bigliettino minatorio. "Rapina psicologica"

Ha rapinato la Banca di Legnano in via Rimembranze intorno alle 15 di lunedì 15 ottobre e dopo pochi minuti la Polizia lo ha prelevato in manette da casa sua, poco lontano dal luogo della rapina. Lo stesso rapinatore l’ha definita una “rapina psicologica”. L’uomo, un quarantunenne bustocco, D. M., ex dipendente Agesp, pregiudicato per furti e reati contro il patrimonio, si è presentato alla filiale della banca con un foglio pieno di minacce: se non gli avessero consegnato una cifra consistente, pare 150 mila euro, avrebbe fatto saltare tutto con una bomba telecomandata dal suo cellulare. I dipendenti della banca gli hanno consegnato 6 mila euro con i quali si è allontanato, quindi lo hanno riconosciuto dalle immagini diffuse dalle telecamere segnalandolo al commissariato di Busto Arsizio. La Polizia, analizzate le immagini e sentiti i funzionari dell’istituto bancario, dopo circa mezz’ora si è recata nella casa del rapinatore, che vive in affitto poco lontano dal luogo del delitto e ha arrestato l’uomo. D. M. dovrà rispondere di rapina aggravata,e forse l’insolito uso del cellulare potràe ssergli contestato come "arma" del reato. Della vicenda si occupa il sostituto procuratore Sabrina Ditaranto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.