Rizzi al Pirellone: se accetta Besozzo torna a votare

Il consiglio regionale designa il sindaco a subentrare a Farioli ma non può mantenere entrambe le cariche

E’ Fabio Rizzi il nuovo consigliere regionale che prende il posto di Gigi Farioli, sindaco di Busto Arsizio dichiarato incompatibile proprio per la sua doppia carica di consigliere e  primo cittadino. Farioli, Forza Italia, aveva aspettato il pronunciamento della giunta per le elezioni, poi era decaduto tre settimane fa dal ruolo di consigliere supplente. Ironia della sorte, Fabio Rizzi ha lo stesso problema del primo cittadino di Busto: è sindaco di un comune (Besozzo) e, in conseguenza della decisione presa nel caso Farioli, decadrà tra qualche settimana dalla sua carica, a meno che non decida di dimettersi da sindaco di Besozzo. In questo caso, il comune avrà un periodo di reggenza in cui sarà amministrato dal vicesindaco, Fausto Brunella, ex primo citadino leghista e attualmente assessore provinciale.

Per il piccolo comune, retto da una amministrazione monocolore leghista, sarebbe una piccola rivoluzione, perchè alla prima occasione si dovrebbe riconvocare una nuova elezione amministrativa. Fabio Rizzi, però, può decidere di rinunciare alla carica di consigliere regionale: in questo caso sarebbe un altro leghista a subentrargli. Rizzi, 41 anni, anestestista alla clinica Mater Domini di Castellanza, è attualmente segretario provinciale del carroccio e ha dichiarato di rimettersi alle decisioni che prenderà il partito. Ma ha fatto anche capire che andrebbe con piacere a occupare un seggio in Regione, dove si dedicherebbe con abnegazione ai problemi della sanità.

La scelta di Fabio Rizzi chiude anche una querelle tra Lega e Forza Italia, su quale lista dovesse beneficiare del consigliere regionale dopo l’abbandono di Farioli.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.