Socialisti: “Facciamo fare un salto di qualità al Paese”

L'opinione di Francesco Mazzeo Segretario de “I Socialisti Per Le Liberta’”

Riceviamo e pubblichiamo

“Cogliere il momento storico per un salto epocale, attraverso un risveglio delle coscienze per far fare un salto di qualità al Paese”
Questo è quanto dovrebbe essere fatto dai nostri Governanti.
Sembra di vivere in una situazione già superata dai fatti, dagli eventi, dalla realtà, dal corso naturale delle cose, con un’evidenza che è chiara a tutti.
E’ facile capire che certi privilegi, certi vizi, certe voglie, certe cattive abitudini sono dure a morire. Però, purtroppo per loro, arriva un momento per tutto, ed in questo momento i cittadini chiedono un cambio di rotta radicale ( non certamente un 14 ottobre day, con tutti i soliti eventi, classici di una chiamata alle urne!), pretendendo dalla politica, trasparenza(?), realismo(?), libertà(?), con rapporti di reciproco rispetto(?), come è dato ad un sistema libero e democratico.
E’ necessario partire da una Legislazione chiara, trasparente e facile da applicare e non con un’infinità di norme, di cavilli, di vessazioni tali che il cittadino diventa un corpo estraneo al sistema, senza alcun rispetto, considerazione, partecipazione e difesa.
Continuando con il sistema attuale il cittadino si ritrova nel paese degli obblighi, dei doveri, senza poter far valere alcun diritto od avere strumenti efficaci per poter essere veramente parte in causa.
Con un costo della sanità di 200.000 miliardi delle vecchie lire, abbiamo cittadini in lista di attesa per curarsi, di mesi se non addirittura di anni.
Artigiani, piccoli imprenditori, spremuti in tutti i modi con un’infinità di adempimenti, tassazioni esose, che danno proprio quella sensazione di arroganza verso il piccolo, indifeso ( la riforma sul cuneo fiscale ha agevolato la grande impresa compreso le banche e le assicurazioni).
A fronte di un versamento esasperato di imposte, al cittadino non viene erogato nessun servizio ( si pagano le autostrade, si pagano i servizi comunali, tasse per i rifiuti, asili nido ecc.).
Il diritto allo studio, attaccato in modo pesante attraverso l’invenzione dei test per accedere alle facoltà ( dopo gli scandali dei test truccati alle università, abbiamo la certezza che certe facoltà, sono appannaggio di pochi “speciali” giovani).
A questo punto è necessario liberare il Paese da questo stato di cose attraverso un cambio generazionale e attraverso una responsabilità personale che coinvolga tutti in modo da sapere con certezza di dover pagare di persona e non con i soldi dello Stato, eventuali errori od omissioni commessi da una certa entità.
Non basta più la questione morale a fermare certi abusi, ci vogliono pene certe per tutti, sia nel pubblico che nel privato.
Comunque ci rallegriamo, perché i nostri Partiti ed in particolare quelli nati da poco, rispecchiano , certamente le suddette aspettative !!

Francesco Mazzeo
Segretario de “ I Socialisti Per Le Liberta’”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.