Suor Palma, “Una sorella semplice e sempre disponibile con tutti”

La religiosa era rimasta coinvolta nell'incidente in autostrada. Sotto shock chi viveva con lei al convento Sant'Ambrogio

«In questo momento non sappiamo cosa dire, siamo sotto shock per la sorte delle nostre sorelle»: è questa la reazione del convento Sant’Ambrogio, quello delle tre suore coinvolte nell’incidente di ieri, 22 ottobre, in autostrada. Una di loro, suor Palma Cazzola, purtroppo non ce l’ha fatta. La religiosa, che sulle prime sembrava la meno grave tra le tre, era stata portata all’ospedale di Legnano con un codice verde, ma durante la notte sono sopraggiunte delle complicazioni tali per cui la religiosa si è spenta.

Suor Palma, 73 anni, viveva da tempo al convento di Sant’Ambrogio, una piccola frazione di Varese sulla strada del Sacro Monte. La religiosa non insegnava più da tempo alla scuola di Maria Ausiliatrice ma la sua immagine è ancora viva nella memoria dei genitori dei piccoli alunni che avevano avuto la fortuna di incontrarla. Lo testimoniano anche le lettere di chi la ricorda come “una sorella semplice e sempre disponibile con tutti”, o una “donna buona e caritatevole che proveniva da una famiglia molto religiosa”.

Le suore del convento in questo momento non vogliono rilasciare dichiarazioni, sconvolte dal dolore della perdita della cara sorella e dalla preoccupazione per la sorte di suor Lucia e suor Maria Pia, ancora ricoverate in gravi condizioni all’ospedale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.