Tentano la rapina a colpi di piccone

Le urla della responsabile dell'ufficio postale mettono in fuga i malviventi. Ritrovata l'auto

Piccone alla mano hanno tentato di sfondare la porta blindata delle Poste di Cazzago Brabbia, piccolo centro di poco più di 700 anime in riva al lago di Varese. Solo il sangue freddo e le urla della responsabile dell’ufficio postale hanno fatto cambiare idea ai due rapinatori, che sono fuggiti a bordo di un’auto risultata poi rubata quando i carabinieri della stazione di Ternate l’hanno trovata nella zona industriale di Bodio Lomnago, in via Rossini.

Il tutto è successo verso le 8.30 di oggi, orario d’apertura. Due persone, italiane secondo le prime descrizioni fornite, col volto coperto da abbondanti sciarpe e cappellino ben calato sul viso, hanno tentato di sfondare la porta d’ingresso dell’ufficio postale nel bel mezzo della piazza principale del paese, sotto il Municipio e ad un passo dall’asilo, dalle scuole materne e dallo studio del medico di base. È giorno di pensioni, quindi i ladri non si sono fatti scrupoli ad agire in pieno giorno spinti dalla possibilità di portare via un bottino cospicuo.

Tutto è durato pochi minuti: urla da parte della responsabile dell’ufficio postale, urla dei rapinatori che l’hanno minacciata, intimandole di aprire le porte. La donna ha resistito e per i ladri non c’è stato altro da fare che girare i tacchi e fuggire in tutta fretta. Sul posto sono giunti subito i carabinieri della vicina stazione di Ternate. Con loro i responsabili della sicurezza di Poste Italiane, giunti da Milano non appena il sofisticato sistema d’allarme ha segnalato la rapina in corso: ogni responsabile ha una sorta di telecomando che invia un messaggio alla centrale operativa, attivando immediatamente le procedure di sicurezza. A Cazzago Brabbia è andata bene, la rapina è stata sventata: non così in altre quattro circostanze nel mese di agosto, con l’episodio più eclatante a Induno Olona, dove il giorno successivo all’apertura i ladri sono entrati e hanno portato via tutto. L’ufficio cazzaghese resterà ovviamente chiuso per tutta la giornata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.