Un’estate di controlli sul Lago Maggiore

Presentato il resoconto dell'attività da giugno a settembre 2007 infatti il Nucleo faunistico - Ambientale della Polizia provinciale

Una squadra unita che quest’estate ha vigilato sulle acque del Lago Maggiore. E ora che è il momento di tirare le somme, il risultato che emerge è positvo. Da giugno a settembre 2007 infatti il Nucleo faunistico – Ambientale della Polizia provinciale ha effettuato varie attività di controllo. Il tutto in costante collaborazione con tutte le Forze dell’Ordine di Angera: polizia locale di Sesto Calende, la vigilanza Parco del Ticino, la polizia locale e i carabinieri di Angera e il Corpo forestale dello Stato. È proseguito inoltre il servizio di collaborazione con ARPA per il prelievo, pressoché mensile, delle acque sui Laghi Maggiore, Ceresio, Ganna e Ghirla.
«La collaborazione con il territorio e in particolare con la Centrale Operativa dei Carabinieri di Verbania è stata costante – spiega l’Assessore alla Sicurezza, Luca Marsico –. I Carabinieri hanno sempre ricevuto da ogni nostro nucleo comunicazioni relative al servizio e alle località pattugliate. Possiamo parlare di una fattiva cooperazione che ha dato ottimi risultati, anche perché ha visto una programmazione del lavoro del personale della Polizia Provinciale stabilita in funzione delle necessità degli altri partner del territorio».

In concreto quindi, l’attività degli operatori ha garantito il rispetto e l’osservanza delle disposizioni comunali riguardanti l’uso delle moto d’acqua. Il 10 giugno si è provveduto ad impedire il proseguimento di un’attività subacquea da parte di due persone all’interno di un porto.  Il 28 giugno è stato inoltre effettuato un servizio di vigilanza ed assistenza alla Manifestazione promossa dal Gruppo Nuoto Aermacchi “la Nuotata dell’Eremo”. I giorni 25 e 26 luglio il nucleo è stato impegnato con il Corpo Forestale dello Stato sui Laghi Maggiore e Ceresio per monitorare e censire eventuali prese e derivazioni di acque pubbliche abusive, riscontrate all’interno dei bacini indicati. In occasione delle manifestazioni pirotecniche tenutesi il 28 luglio e 16 agosto, rispettivamente sulle acque del fiume Ticino e nel golfo Laveno, con alcune delle strutture sopraccitate, è stato svolto anche un servizio di Pubblica Sicurezza teso ad impedire l’avvicinamento delle imbarcazioni alle piattaforme galleggianti di lancio.

«Il Nucleo Faunistico Ambientale – conclude Marsico – ha svolto un’attività encomiabile per il supporto che ha garantito agli altri operatori a livello di vigilanza sulla sicurezza dei bagnanti, sulla nautica da diporto e dimostra sempre di più di essere una risorsa indispensabile anche per il controllo sulla pesca, soprattutto nel periodo estivo dove sono molteplici le attività da seguire per il nucleo della Polizia provinciale, che tra i suoi compiti ha anche quelli di prevenzione ed eventualmente di repressione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.