Varese, pari giusto con polemica finale

Varese-Nuorese 1-1. Grossi è ancora il trascinatore ma non basta. All'85' il guardalinee segnala un rigore per i biancorossi che l'arbitro non accorda

Ci sono cinque brasiliani veri in campo, tra Varese e Nuorese, ma è ancora una volta Paolo Grossi il giocoliere che dà un senso alla partite della formazione biancorossa. In una giornata avara di emozioni è il carioca di Pieve Emanuele a regalare i pochi scampoli di spettacolo, compresa la rete del momentaneo 1-0, pareggiata però nel giro di pochi istanti da Panetto.

L’1-1 nel complesso è risultato giusto in un pomeriggio piuttosto noioso e ravvivato solo a 5’ dalla fine quando il guardalinee ha segnalato un rigore per il Varese che l’arbitro, dopo un lungo parlottare con l’assistente, non ha concesso. Le immagini riviste nel dopo gara sembrano dare ragione al Varese, ma l’episodio resta nel dubbio e soprattutto non varia un risultato tutto sommato giusto. Per effetto degli altri risultati comunque il Varese rimane nella zona alta del campionato, a soli tre punti dalla Torres capolista.

FISCHIO D’INIZIO – Qualche novità per Roberto Lorenzini, che tiene fuori dall’undici titolare Gabionetta e dà una chance a Giovio, apparso in formissima nelle ultime occasioni e posizionato in cima allo schema ad “albero di Natale” del Varese. La difesa è quella titolare mentre sulla mediana lo squalificato La Marca (in sua assenza il capitano è Lepore) è sostituito da Corral. Bagatti ha in campo un giovanissimo (Cappai) in mezzo a un gruppo super esperto, con Lulù Oliveira a comandare l’attacco e Marco Sanna davanti al reparto arretrato in carenza di uomini. Buona presenza di pubblico sugli spalti, anche in virtù della classifica sorridente della formazione biancorossa.

PRIMO TEMPO – Paolo Grossi è il primo a carburare: in meno di 4’ sfugge due volte a Borges e procura un’ammonizione al terzino in evidente difficoltà. Poco dopo è giallo anche per Oliveira che protesta in modo smodato per un fallo non fischiato. Il fatto che i cartellini siano più numerosi dei tiri in porta (zero) nei primi 25’ la dice lunga sull’andamento del match. I due portieri infatti sono impegnati, per così dire, solo in qualche presa alta. La prima conclusione è di Guaita che salta un paio di difensori ma conclude centrale. Lorello ha modo di esaltarsi al 28’quando devia sulla traversa un colpo di testa a botta sicura di Gennari, saltato più alto di tutti su una punizione dalla trequarti sinistra.
Il Varese si scuote e al 32’ passa a condurre sfruttando una momentanea superiorità numerica. Lepore serve Grossi accentratosi sulla trequarti: il fantasista dribbla in modo secco due avversari e a sorpresa colpisce di destro da fuori area battendo un Manis non impeccabile. Per lui è il quinto centro in sette gare.
La replica sarda è immediata: dal secondo corner consecutivo nasce una specie di pallonetto che trova pronto Panetto in mezzo all’area. Il centrocampista colpisce di testa in mezzo a una difesa sbilanciata e scavalca Lorello per la rete dell’1-1.
Nel recupero ci prova Dos Santos, anch’egli di testa su calcio d’angolo, ma la sua inzuccata finisce di poco oltre al sette.

RIPRESA – Una gran punizione del solito Grossi riapre le ostilità al 4’: serve tutta l’agilità di Manis per mettere in angolo. Come già nel primo tempo però non accade altro, così Lorenzini prova a cambiare le carte in tavola inserendo Gabionetta per un Lepore non a livello dei suoi standard. All 25’ esce anche un inguardabile Oliveira, più impegnato a cadere per terra che a giocare palloni. L’ultimo cambio del Varese arriva alla mezz’ora, con Sergi che rileva Giovio al centro dell’attacco. Il gioco però continua a ristagnare finchè Grossi – sempre e solo lui – inventa un dribbling e un passaggio sul quale Gabionetta non punge.
Al 40’ è giallo; durante un’azione del Varese in area ospite il guardalinee sbandiera e si dirige verso la porta della Nuorese. Il sospetto è che abbia visto un rigore per i biancorossi (fallo su Miale?), pensiero suffragato dalle proteste dei giocatori più vicini al pallone. Dopo un lungo consulto, quando ormai il Franco Ossola assaporava il penalty, ecco la decisione del signor Di Francesco: nulla di fatto, si riprende a giocare. E’ l’unica e ultima emozione della ripresa: il triplice fischio chiude una gara non certo da ricordare, buona però a mantenere aperta la striscia positiva biancorossa.

.

SPOGLIATOI – Inizia dal giallo finale il commento di mister Lorenzini: “In questo campionato gli episodi sono determinanti; oggi non stavamo giocando al meglio ma se il rigore c’era era giusto darlo”. Il tecnico ammette: “Dalla panchina non ho visto cosa è accaduto però il guardalinee è andato deciso per il rigore. Peccato, rimane il fatto che nella ripresa abbiamo sempre guidato il gioco, anche se sarebbero serviti più volontà ed entusiasmo. Comunque il pareggio è giusto contro una Nuorese che si conferma quadrata ed esperta”. Infine un commento che dev’essere uno stimolo per Gabionetta: “Ha grosse qualità che però vanno inserite nel contesto della squadra. Lui deve apprendere e appassionarsi di più, gli stiamo dando fin troppo credito”.
Sull’episodio del rigore interviene il diretto interessato Claudio Miale: “Il guardalinee ha visto tutto e me lo ha detto, poi l’arbitro ha deciso diversamente. Non so perché, ma era stato un calcio volontario ai miei danni”.
Il protagonista biancorosso, Grossi commenta così la rete: “Ero al limite, la palla è arrivata sul destro che non è il mio piede, ma ho calciato lo stesso il più forte possibile”.

Soddisfatto e onesto il mister ospite Bagatti: “Abbiamo conquistato un punto sofferto contro un Varese che sulla manovra ci ha messo in difficoltà soprattutto nella ripresa”.

.

Varese – Nuorese 1-1 (1-1)

Marcatori: Grossi (V) al 32’, Panetto (N) al 36’

Varese: Lorello; Luoni, Shakpoke, Miale, Silva; Corral (Maccoppi dal 37’ pt), Dos Santos, Casisa; Grossi, Lepore (Gabionetta dal 13’ st); Giovio (Sergi dal 28’ st). All. Lorenzini. A disp.: Sampietro, Scietti, Corti, Tripoli.
Nuorese: Manis; Masia, Medda, Panetto, Borges; Sanna, Napolioni; Guaita (Campo dal 39’ st), Oliveira (Cirillo dal 29’ st), Gennari; Cappai (Nuvoli dal 18’ st). All. Bagatti. A disp.: Capello, Di Piedi, Dentamaro, Zaccarelli.

Arbitro: Di Francesco di Teramo (Abbondanzieri e Pampirio di Ancona).
Note. Giornata serena e tiepida, terreno in ottime condizioni. Ammoniti: Borges, Oliveira, Panetto, Casisa, Nuvoli. Calci d’angolo: 4-2 per il Varese. Spettatori: 1.700 circa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.