Al classico Crespi “dantisti” da competizione

Selezionati nell'ambito del concorso nazionale "Dante nella scuola" i lavori svolti nello scorso anno scolastico dall'attuale classe V L indirizzo linguistico dell'istituto bustocco

Un nuovo successo in ambito letterario per gli studenti del Liceo classico Crespi di Busto Arsizio. Dopo la recente affermazione con un secondo e un quarto posto al prestigioso Premio Chiara Giovani, giunge ora un importante riconoscimento anche per la classe V L (indirizzo linguistico) che sarà premiata il 29 ottobre a Milano. I suoi lavori sono stati selezionati dal Comitato Dantesco per la Lombardia nell’ambito del concorso nazionale “Dante nella scuola” sul “Figure ed episodi della Divina Commedia”.

Scopo precipuo del concorso, bandito lo scorso anno scolastico, è promuovere nei docenti e negli studenti l’interesse per lo studio e l’approfondimento dell’opera dantesca, attraverso l’avvio di una ricerca che, nell’ambito del progetto autonomo di ciascuna scuola, possa porre le basi per un adeguato ritorno alla lettura diretta dei grandi della nostra letteratura. Non poteva dunque mancare all’appello il Liceo Crespi la cui offerta formativa prevede ampi spazi allo studio e all’approfondimento dell’opera di Dante: a parte i momenti delle lezioni in classe, si ricorderà la bella rappresentazione dell’Inferno messa in scena l’aprile scorso dagli studenti del corso di teatro.

E così la classe IVL, oggi diventata VL, coordinata dall’insegnante di italiano prof.ssa Marilena Goracci, ha colto l’interessante proposta e si è messa al lavoro: divisi a gruppi gli studenti hanno svolto approfondimenti tematici su alcune figure singolari del Purgatorio (tradizionalmente programma di quarta) analizzando e comparando i passi più significativi, hanno ricercato le illustrazioni che nei secoli hanno accompagnato la cantica, hanno selezionato brani di musica medioevale che meglio si accordassero alla lettura dantesca. Proprio questo ultimo tipo di lavoro è stato selezionato dal Comitato Dantesco Regionale, composto da Ispettori, dirigenti scolastici, docenti delle Università del territorio e della scuola, oltre ad esponenti di società e centri danteschi: in ogni regione italiana sono stati scelti nove elaborati (2 per la scuola primaria, 3 per la scuola media e 4 per la scuola secondaria superiore) che parteciperanno all’ultima selezione del Comitato Scientifico nazionale. Il concorso si concluderà con la convocazione a Roma degli studenti e delle classi autori degli elaborati migliori e con la cerimonia di consegna, da parte del Ministro dell’Istruzione Gelmini, dei premi e degli attestati di menzione speciale.

Il primo traguardo è stato raggiunto e a Milano, nell’Auditorium del Liceo Scientifico “Vittorio Veneto” e Istituto Tecnico Industriale “Ettore Conti”, in Piazzale Zavattari, mercoledì 29 ottobre alle 9:00 l’intera classe con l’insegnante responsabile delle attività realizzate riceverà l’adeguato riconoscimento. E poi? Dante direbbe loro:
Per correr miglior acque alza le vele
omai la navicella del vostro ingegno…

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.