“Amor di Jazz” inaugura la stagione con Invernizzi e la sua band

Venerdì 17, alle 18, al Teatrino G. Santuccio di Via Sacco si apre la stagione dedicata al jazz con il concerto della "Bovisa New Orleans Jazz Band"

Il jazz torna protagonista del Teatrino G. Santuccio di Via Sacco. Gli appuntamenti musicali di “Amor di Jazz” la scorsa stagione hanno infatti riscontrato molto successo e si ripresentano con grandi maestri del jazz. Domani sera, venerdì 17, alle 18, si terrà il primo appuntamento della stagione con un concerto, organizzato dalla fondazione “Il Vellone”, in collaborazione con Coop Lombardia e Varese, dal titolo “ La Spesa con Swing” & “Amor di Jazz” che vedrà come ospite la “Bovisa New Orleans Jazz Band”. La formazione è composta da Luciano Invernizzi  al trombone, Giacomo Marson alla tromba, Gigi Cavicchioli al  clarinetto, Gigi Marson  al pianoforte, Terenzio Belluzzo alla batteria, Fabio Turazzi  al banjo. Sestetto che vince la rassegna nazionale del jazz di Foligno nel 1963.

Fondata nel 1960 da Luciano Invernizzi con altri giovani musicisti, la formazione prende il nome del quartiere di Milano da dove ha mosso i suoi primi passi ottenendo fin dagli inizi risposte incoraggianti sia dalla critica che dal pubblico per continuare nella sua proposta musicale.  Nel corso di questi anni si è esibita in tutti i festival e manifestazioni italiane ed europee dedicate al jazz tradizionale; è stata presente in tutti i jazz-club e sedi di “Gioventù musicale”, ha partecipato a trasmissioni radiofoniche e televisive ed ha inciso numerosi lp e cd anche con la prestigiosa etichetta di New Orleans “Ghb Records”.

Ha accompagnato nelle loro tournées italiane, in collaborazione con il batterista inglese Barry Martin ed il clarinettista belga Rudy Balliu, i capiscuola del jazz di New Orleans, tra i quali: Louis Nelson (trombone), Capt John Handy (sax alto), Emanuel Sayles (banjo), Percy Humphrey (tromba), Alto Purnell (piano), Thomas Jefferson (tromba), Don Ewell (piano), Freddie Kohlmann batteria, Albert Nicholas (clarinetto), Wingy Manone (tromba), Paolo Barnes (clarino) e altri ancora.

Il leader del gruppo e trombone, Luciano “Big Lu” Invernizzi, fin da ragazzino  si dedica all’ascolto e allo studio della musica jazz appassionandosi alle esecuzioni di  Louis  Amstrong, King Oliver, Jelly Roll Morton ed al jazz tradizionale in generale  ma , soprattutto,   ai grandi  trombonisti quali   Kid Ory , Jim  Robinson, Vick Dickinson.       

A Milano negli anni Sessanta  con un gruppo di appassionati ,  fonda la "Bovisa New Orleans Jazz Band", un complesso che s’ispira al più puro  stile New Orleans. Numerose le manifestazioni jazzistiche a cui la "Bovisa New Orleans jazz Band"   partecipa: vince il primo premio alla "Rassegna  del festival italiano" di Foligno nel  ’63;  rappresenta l’Italia al  "New Orleans Festival" di Francoforte né ’64;  al "Jazz Band Ball"  di Parigi nel ’67 e alla "Grand Parade  du Jazz" di Nizza nel ’74 e nel "75, e a quasi tutte le edizioni della  "Festa New Orleans  Music"  di Lugano prima ed Ascona poi. Impossibile elencarle tutte. Invernizzi  ha avuto anche il privilegio di accompagnare  il grande Louis Armstrong  in una trasmissione televisiva.  Oltre a guidare l’orchestra da lui fondata, suona anche con altri complessi italiani ed  europei di jazz tradizionale . In uno dei suoi frequenti viaggi a New Orleans, si è esibito alla "Presenvation Hall" con Percy Humphrey e la sua band. 

Invernizzi è anche componente dei “Jambalya six” di Vittorio Castelli , è stato tra i fondatori   della "Pegasus Brass Band" , e  collabora  abitualmente  con  Lino Patruno , Barry Martyn    Sammy  Rimington, Doc Houlind, Keith Smith, Oscar Klein,  Geoff  Bull,  Walter Weber , Rudy Balliu  ed altri  leader di band . Nel corso degli anni ha partecipato all’incisione di una trentina di lp e cd con vari complessi  tra cui molti   prodotti  dalla GHB  di   New Orleans.  

Dagli anni ’80 ,  fa parte della " Lino Patruno Jazz Show”, con la quale ha inciso anche diversi lp e cd, tra cui "Whats  New" con Bob Haggart. Il prossimo appuntamento sarà invece il martedì 22 ottobre, alle 21, con i “Dudecom”.

L’ingresso alla serata è di 6 euro, 4 ridotto (per studenti e giovani fino ai 26 anni)

Le prevendite dei biglietti saranno effettuate in occasione dei concerti, al Teatrino di via Sacco, e  presso il Teatro di Varese “Mario Apollonio” negli orari di biglietteria: dal lunedì al sabato dalle 11 alle 14 e dalle 17 alle 19.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.