“Aria pesante nel Saronnese per gli immigrati”

La denuncia dell’associazione Givis, che si occupa di sostegno agli immigrati, dopo la decisione di alcuni comuni, come Cantù, di istituire un numero verde per le denunce

“Si respira un’aria troppo pesante per gli immigrati”. L’allarme viene lanciato dall’associazione Givis, gruppo indipendente volontari italo-stranieri di Saronno, che da 20 anni opera sul territorio per l’integrazione degli immigrati nella società, nel rispetto delle regole e della legalità. Per statuto si tratta di un’associazione apolitica, aconfessionale e non assistenziale. Attiva corsi per imigrati, sportelli informativi, doposcuola per minori e molte altre attività gestite tutte da volontari. “Stiamo vivendo un brutto momento – spiegano dall’associazione -, soprattutto nella nostra zona, si respira un’aria di paura e di intolleranza verso l’immigrato o il diverso più in generale”.

 

L’associazione, oltre a riferirsi al pacchetto sicurezza varato dal governo fa riferimento anche a qui comuni, come Cantù, che hanno istituito un numero verde per denunciare i clandestini. “Ci è giunta notizia che anche Gerenzano, ad imitazione di un altro comune più noto, abbia istituito un numero verde per segnalare i clandestini. Non gli spacciatori o i criminali, i fiancheggiatori della tratta di esseri umani o protettori della prostituzione”.
”Non prendiamo le difese degli immigrati delinquenti – proseguono dall’associazione -. Come tutti coloro che delinquono, italiani e non, devono essere arrestati, condannati e puniti. Vogliamo denunciare l’equazione immigrato uguale a delinquente”.
Auspichiamo che la politica si faccia carico di questo grosso problema – concludono -, avanzando una proposta di legge che regolarizzi almeno chi lavora da tempo nel nostro paese ed ha una casa dove abitare”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.