Berlusconi: «Nessun risparmiatore perderà un euro»

Il consiglio dei Ministri ha varato il decreto per la stabilità delle banche. Tremonti parla alla Camera

«Nessuna banca italiana, fallirà, nessun risparmiatore italiano rischia, nessuno perderà un euro». Aria stanca, linguaggio popolare, Silvio Berlusconi, seduto tra Giulio Tremonti e Mario Draghi, ha spiegato così il decreto varato dal governo per fronteggiare la crisi finanziaria che sta mettendo in ginocchio il mondo. «Noi non siamo nella situazione degli altri Paesi – ha garantito Berlusconi – La crisi si è sviluppata negli Stati Uniti e soprattutto nei paesi Nord europei. L’intervento di nazionalizzazione seguito dalla Gran Bretagna, ma anche dalla Francia e dal Belgio, è molto diverso dal nostro». C’è una banca che ha problemi di liquidità? – ha spiegato ancora il Cavaliere- Caso per caso il Tesoro e Bankitalia valuteranno come intervenire e la garanzia dello Stato si aggiungerà a quelle del fondo interbancario che già garantisce gli istituti di credito. «Il sistema bancario italiano è patrimonializzato a sufficienza, non ha problemi di ricapitalizzazione, ha anzi sufficiente liquidità».

Il ministro dell’Economia Tremonti, durante la relazione alla Camera dei Deputati sulla crisi economica internazionale svoltasi nella prima mattina del 9 ottobre, ha poi sottolineato che «L’Italia non presenta particolari anomalie» e questo perchè «una caratteristica propria del sistema bancario italiano è avere un carattere meno sofisticato, che ha preservato elementi di crisi che vediamo in altri paesi europei».

Il ministro dell’economia ha poi spostato il focus sull’Europa: «Il carattere della crisi in Europa – ha precisato infatti- non è ancora chiara, ma è proteiforme e segmentata». ma il fine comune, ha precisato, è preservato: nell’area Ue, ha detto il ministro, «tutto il possibile è stato coordinato. Gli interventi sono stati presi per country in base ad uno schema comune».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.