Bossi torna alle origini: “Secessione”

A margine di un convegno sul federalismo alcune considerazioni del Senatur: "Troppi sprechi di soldi, se non si fa il federalismo, il nord se ne va"

«Se si continua a sprecare soldi il federalismo non si fa, dunque si potrebbe tornare all’ipotesi secessione». Il leader della Lega, ieri sera lunedì 6 ottobre, si è espresso così a Meda (nella nascitura provincia di Monza)  durante un convegno sul federalismo fiscale. A raccontarlo un articolo del Corriere della Sera a firma dell’inviato Marco Cremonesi. Dopo anni Bossi torna ad usare la parola "secessione" anche se i toni non sono quelli dei comizi più caldi del vecchio leader leghista.
In realtà nelle dichiarazioni rilasciate c’è anche l’ottimismo di chi vede finalmente la politica muoversi verso il federalismo fiscale. «Servono i soldi per la nostra gente, per collegare le nostre vterre con Malpensa, per fare la Pedemontana – ha detto Bossi – ora il federalismo sostituisce la secessione ma se così non sarà saremo pronti a riparlarne. Per ora c’è un accordo con il Ministro Tremonti per far passare dallo Stato ai Comuni le proprietà inutilizzate».

Poi Bossi ha elogiato il sistema bancario italiano: «Molto più serio e credibile di quello americano – ha detto il senatùr – dove bastava andare in banca e dire che servono i soldi per una casa. In Italia prima di darteli ti fanno una radiografia». Sul razzismo Bossi raccoglie il boato dei suoi: «Per anni abbiamo subito ora per un po’ di anni saranno gli altri a subire e tacere»

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.