Brucia l’auto e chiede pure i danni

L'uomo arrestato oggi per aver dato fuoco all'auto del sindaco era andato in commissariato a sporgere denuncia: il veicolo in fiamme gli aveva affumicato la vetrata

Non contento di aver bruciato l’auto del sindaco e di aver fatto finta di niente mentre scoppiava un putiferio, tra pompieri (e inquirenti) al lavoro, Prefetti e agenti di polizia in fibrillazione e stampa scatenata, Ignazio D’Albano aveva pensato bene di ricavare un utile dal proprio stesso atto. Martedì mattina, come niente fosse, vestito con lo stesso giubbotto bianco con cui compariva nelle immagini della telecamera di sicurezza di piazza Noè che lo inchiodavano, si è presentato al commissariato di Polizia.
Per confessare e costituirsi in preda a un rimorso?
Nossignori. L’uomo, secondo quanto riferivano i dirigenti di polizia presenti oggi in Procura per l’incontro con la stampa, intendeva sporgere regolare denuncia per il danneggiamento della vetrata del suo bar… causato dall’auto che lui stesso aveva date alle fiamme – come, è ancora da chiarire, ma a questo punto non importa. Il suo obiettivo era di chiedere i danni: precisamente a chi aveva già danneggiato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.