Cambio di programma alla Sala Urano

Sabato 25 ottobre verrà proiettato il film "Last Resort" al posto di "Coverboy", nell’ambito della rassegna “Tutti i colori dell’arcobaleno Cinema e immigrazione”

Cambio di programma per la Sala Urano. Sabato 25 ottobre, per ragioni tecniche, verrà proiettato alle 16.30-18.30-20.30-22.30, il film Last Resort di Pavel Pawlikowski,, al posto del precedentemente annunciato Coverboy, nell’ambito della Rassegna “Tutti i colori dell’arcobaleno Cinema e immigrazione”.

Il film è del regista Pavel Pawlikowski e racconta di Tanya, una giovane e bella ragazza russa che giunge a Londra insieme al figlio decenne Artyom, decisa a rimanervi. Il fidanzato inglese di lei non verrà a prenderla e la donna, fingendosi un’esiliata politica, finirà, “prigioniera”, insieme ad altri immigrati  in un assurdo grattacielo vicino al mare, meglio noto col nome di “Zona di residenza designata”. L’incontro con un giovane inglese pregiudicato che si mostra generoso e attento verso di lei e il bambino, le ridà  la voglia  di vivere. Tuttavia non vi è lieto fine.    

Opera prima di un documentarista di origine polacca, egli stesso immigrato in Inghilterra, Last Resort, è un’opera capace di affrontare il difficile e spinoso tema dell’immigrazione con toni sommessi,  privi di qualsiasi retorica. Pawlikowski  assimila la lezione stilistica di Ken Loach, calandola in una dimensione esistenziale e quella del grande cinema polacco contemporaneo, per il rigore della riflessione morale e l’acuto pessimismo. Il film è altresì il bellissimo ritratto di una donna e insieme di una madre che sfida il proprio destino, nella speranza di un mondo migliore. Suggestive e claustrofobiche le ambientazioni di Stonheven, nell’intenso contrasto fra la desolazione  del  grattacielo che ospita i rifugiati politici  e la  cupa grandezza del mare.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.