Camelot lancia cinque incontri per confrontarsi con l’Alzheimer

Un ciclo di appuntamenti a novembre proposto in partnership con l'Aima. Per aiutare le famiglie ad affrontare una patologia che colpisce sempre più anziani

3SG conferma la forte sinergia con il territorio e lo fa con un corso dedicato alla cura dell’Alzheimer promosso con una realtà associazionistica locale : cinque incontri dedicati non solo alla malattia e alla cura farmacologia, ma soprattutto al rapporto tra gli anziani malati e le persone che stanno loro accanto. Il ciclo di incontri è proposto con la collaborazione dell’Aima, l’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer la cui sezione gallaratese è presieduta dal dottor Michele Perini.

Gli incontri si terranno in orario serale presso la RSA di Camelot in via Sottocorno. Il primo incontro è dedicato all’aspetto clinico della malattia, con la presenza del dottor Perini; il 6 novembre la dottoressa Antonella Carnicelli  presenterà le terapie dei disturbi comportamentali; il 13 i volontari dell’Aima presenteranno l’esperienza e le modalità di assistenza nell’assistenza del paziente affetto da demenza, il 20 la dottoressa Alessandra Colnaghi parlerà della festione quotidiana dei disturbi comportamentali; il ciclo di incontri si chiuderà il 27 novembre con la serata dedicata al confronto quotidiano con l’ospite di una struttura, a cura degli operatori di 3SG.

Un approccio che vuole affiancare alla cura diretta degli ospiti (circa una ventina gli ospiti affetti da questa patologia) l’aiuto alle famiglie alle prese con una malattia difficile da gestire se non si dispone di adeguati strumenti. Un aiuto che necessita dell’esperienza di una realtà impegnata da tempo sul tema, come è l’Aima. E’ la strada che Camelot vuole perseguire per il futuro anche in altri campi: «cercheremo contatti e dialogo con soggetti istituzionali che per esperienza e continuità offrono maggiori garanzie» conclude il presidente di 3SG Roberto Bosco.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.