Cane “bruciato” nell’acido

La drammatica vicenda in una casa nel quartiere Cascina Ferrara. La proprietaria: “Lo sto curando ma è molto grave”. Presentata la denuncia ai carabinieri

Cane con il corpo cosparso di acido. L’atto di crudeltà è stato compiuto nella notte tra sabato 26 e domenica 27 Settembre e a denunciare l’accaduto è la sezione dell’Enpa di Saronno. Vittima un cane di 8 anni, da sempre residente con la propria famiglia, alla Cascina Ferrara, in un giardino annesso alla casa unifamiliare. Il povero animale è stato ritrovato in condizioni drammatiche al mattino, al risveglio dei proprietari. Colpito alla testa e alle zampe ha completamente perso il pelo, e la pelle è rimasta gravemente ustionata, al punto che il cane rischia la perdita di entrambi i padiglioni auricolari e l’amputazione della zampa posteriore, la cui muscolatura è stata letteralmente ‘mangiata’ dall’acido.

“Al mio risveglio – racconta la proprietaria – ho notato che il mio cane era più silenzioso del solito. Una volta scesa in giardino per chiamarlo e farlo entrare in casa, ho avuto davanti agli occhi l’amara sorpresa. Non un lamento povera creatura, eppure doveva soffrire da morire. Ho chiamato immediatamente il veterinario che si è precipitato sul posto e ha constatato, con un previelo della sostanza rinvenuta vicino al cane, che si trattava di acido muriatico. L’ho portato immediatamente in clinica per le prime cure, trattenendolo poi per fare la prima operazione sui tessuti danneggiati. Ora lo sto curando tutti i giorni, facendo medicazioni lunghe e dolorose cui il mio povero cane si sottopone con incredibile stoicismo. Sta soffrendo molto. A brevissimo dovrà sottoporsi a un secondo intervento. Mi auguro solo che possa servire a qualcosa. Vederlo soffrire così mi fa star male e mi domando chi possa aver commesso un atto tanto incivile e inqualificabile”.

La condanna all’accaduto arriva anche dall’Enpa: “La singolarità della vicenda è che il cane non abbia abbaiato come normalmente fa con le persone estranee, il che fa supporre sia qualcuno di conosciuto dal povero animale. Si tratta di un atto di tale stupidità e inciviltà che non ha bisogno di essere commentato.  Il tanto razionale e sensibile essere umano è lontano anni luce dall’aver chiaro cosa sia il rispetto della vita. Indifferente se per persone o animali, a questo punto. Individui come questi sono pericolosi. Per l’ignoranza e per la brutalità che dimostrano”.
La proprietaria del cane ha già depositato denuncia ai Carabinieri, tra l’altro intervenuti sul posto per le constatazioni del caso e per verificaree le condizioni del cane, e il fascicolo è già stato inviato in Procura.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.