Caso Englaro: respinta la richiesta di sospensiva

La Corte d'Appello non ha ravvisato gli estremi per sospendere l'esecutività della sentenza che permette di interrompere l'alimentazione forzata di Eluana

"Non luogo a provvedere". La Corte d’Appello di Milano ha deciso di congelare la richiesta di sospensione dell’esecutività della sentenza sul caso Englaro.

Nel luglio scorso era stata la stessa corte ad autorizzare il signor Beppino Englaro, padre di Eluana,  a interrompere alimentazione e idratazione della  figlia in coma vegetativo irreversibile da sedici anni dopo un incidente stradale avvenuto il 18 gennaio del 1992.

Ora, si attende la decisione della Cassazione chiamata a decidere sul ricorso presentato dalla procura generale di Milano contro la sentenza del luglio scorso.
Nel frattempo, però, se Eluana dovesse morire, il padre non sarebbe perseguito dalla legge


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.