Cimberio, altro brivido a lieto fine

Pistoia-Varese 71-73. Terzo successo nelle battute finali in altrettante gare per i biancorossi. Di Childress e Dickens i punti decisivi

Terza replica in tre settimane per il film thriller della casa di produzioni Cimberio, una pellicola che lascia a lungo senza fiato, a volte fa saltare sulla poltrona per scene bellissime, altre fa arrabbiare per una trama che di colpo si inceppa e sembra portare a un finale tragico. E invece il finale è sempre di quelli zuccherati, ma per il lieto epilogo bisogna davvero attendere i titoli di coda, l’ultimo secondo: solo a quel punto, quando il pallone della disperazione giocato da Pistoia rimbalza fuori campo c’è la certezza che si può applaudire.

Varese fa tris in Toscana (71-73), rimane a punteggio pieno con la sola Jesi, si prepara a un turno teoricamente morbido contro Rimini e incamera la seconda vittoria in trasferta. Tutto bene? No, perché come nelle precedenti occasioni la squadra di Pillastrini dimostra la propria classe solo a tratti e non ha quella continuità che permetterebbe di chiudere le partite in anticipo. Così, anche in un match che pareva vinto a 2’ dalla fine, servono tutta la classe di Randy Childress, l’atletismo di Kaniel Dickens e la freddezza di Simone Cotani per chiudere col sorriso. Già, perché nell’infuocato finale Passera perde tre palloni cruciali e sull’altro lato un indemoniato Darby va a canestro in ogni modo facendo sognare il pubblico di casa.
Tifosi che si erano scaldati parecchio nel terzo periodo quando la Carmatic operaia di Rabaglietti, Toppo e Rosselli aveva superato una Cimberio divenuta per lunghi tratti irriconoscibile e irritante. E dire che Varese era partita molto bene nel primo periodo, quando dopo un istante di assestamento i biancorossi si erano messi a colpire a ripetizione dall’arco dei tre punti. Chiuso il primo parziale sul 23-15, Galanda e compagni si erano inceppati già prima dell’intervallo quando i toscani sono pian piano rientrati sino al 34-33 del 20’.
Poi l’arido terzo periodo: 5’30” senza far canestro prima di un’invenzione di Childress e di un canestro di gran fortuna di Nikagbatse. Buon per noi che Pistoia, pur avanzando nel punteggio, non riesce a prendere il largo (49-42 al 30’).

E così la volata di 10′ da lì al traguardo diventa terreno di conquista di sua maestà Randy Childress: è ancora lui a fare quelle cinque-sei cose che spaccano la partita. Tremendo l’uno-due dall’arco al 36’ inframezzato da una stoppata poderosa di Dickens su Rosselli. In quel momento Varese gira l’inerzia della gara nonostante le proteste del coach pistoiese Lasi che se la prende con gli arbitri ma nulla dice sui cinque falli che mettono fine in largo anticipo alla prestazione di una Galanda destinato a marchiare la serata.
Ancora i due americani inventano un canestro tagliagambe con un alley hoop su rimessa dal fondo in un momento difficile. E quando Rabaglietti commette fallo antisportivo su Childress (tenuto per la canottiera) pare fatta. Randy segna i due liberi del 66-70 ma sulla rimessa Passera perde un altro pallone che ridà possesso e speranze alla Carmatic. Darby è imprendibile, spinge i suoi fino a -1 ma dopo due liberi di Cotani e uno di Nikagbatse avrebbe bisogno di un miracolo. L’americano di Toscana ci riprova, sbaglia apposta un libero a 3” dalla fine ma nella mischia a rimbalzo il pallone carambola sul corpo di Tyler e finisce fuori. Solo ora Varese può esultare, con Cotani che si tuffa tra i pochi tifosi in trasferta. La Cimberio resta davanti a tutti, e pazienza se qualche coronaria ha già bisogno di manutenzione urgente.
.

IL TABELLINO

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.