Cimberio, Rimini porta con sé l’aria di Amarcord

Domenica speciale per i biancorossi che si troveranno di fronte De Pol, Zanus Fortes e l'allenatore Cedro Galli. Si gioca a Masnago alle 18,15

Nemmeno a farlo apposta, la giornata dei ricordi più profondi in questa LegaDue della Cimberio arriva contro Rimini, laddove il maestro Fellini visse e girò "Amarcord". Termine in dialetto romagnolo divenuto parola universale grazie a uno dei capolavori del cinema italiano.

Con la maglia dei Crabs (i "granchi") arriveranno a Masnago due giocatori e un allenatore che a diverso titolo hanno un posto nella storia biancorossa, e forse anche per questo motivo Galanda e compagni dovranno alzare il proprio livello di attenzione in vista di un impegno che sulla carta non è dei più difficili.
Di sicuro infatti, Sandro De Pol e Cristiano Zanus Fortes – due quarti del pacchetto lunghi della formazione riminese – vorranno fare il colpaccio davanti al pubblico che per anni è stato il loro e al quale hanno dato lo scudetto del 1999. E la pensa allo stesso modo Cedro Galli, che in quell’anno di grazia prima fu tra gli assistenti di Carlo Recalcati e poi ne raccolse l’eredità. Un’esperienza breve, finita con un esonero ma anche con l’unica Supercoppa della storia di Varese e quel McDonald’s Open in cui i Roosters di Pozzecco, Meneghin e Santiago fecero tremare i San Antonio Spurs campioni Nba.
Storie di dieci anni fa che domenica (si gioca alle 18,15) non faranno canestro ma certo saranno un piacevole ricordo per chi ha vissuto quello straordinario momento di sport per la nostra città.

Pillastrini nel frattempo si è trovato a preparare la partita patendo la prima grave assenza stagionale, quella di Giorgio Boscagin che ha un polso rotto e che libera un posto a referto per Totò Genovese. Un problema soprattutto in fase difensiva per la Cimberio visto che il "Bosca" se in attacco è andato un po’ a fasi alternate in retroguardia ha sempre fatto il proprio dovere. Così cresceranno per forza i minuti di Nikagbatse (che appare ancora lontano dal top di forma), di Gergati (soprattutto in proiezione difensiva) e di Passera che affiancherà più spesso Randy Childress. Tra l’altro Rimini è squadra che lontano da canestro può vantare l’esperienza dell’ex azzurro German Scarone e la verve dei due americani Goss e McCray, decisivi nel primo successo stagionale ottenuto ai danni di Pavia.
Insomma, è utile ripeterlo: non si può scendere in campo con sufficienza, come forse è successo nei precedenti match. La brutta sorpresa è sempre in agguato e non sempre basterà uno sprazzo di gran gioco a raddrizzare la serata.

Cimberio-Rimini è affidata ai signori Pascotto, Ciano e Di Toro e avrà come graditi ospiti i cestisti del Csi che prenderanno posto nella "Galleria Whirlpool" dove si sono già accomodati i volontari di Varese2008. Per loro, e per tutti gli altri, ci sarà in regalo l’almanacco biancorosso (yearbook per dirlo all’americana) di questa stagione, sul quale ci si augura di poter marcare il quarto successo di fila.

Cimberio Varese – Crabs Rimini

Varese: 4 Galanda, 8 Antonelli, 9 Gergati, 10 Galanda, 11 Genovese, 14 Martinoni, 17 Cotani, 20 Nikagbatse, 22 Childress, 28 Dickens. All. Pillastrini.
Rimini: 4 Scarone, 5 Goss, 6 Yankiel, 8 Pinton, 9 De Pol, 13 McCray, 14 Zanus Fortes, 15 Rinaldi, 16 Gurini, 18 Kesicki. All. Galli.
Arbitri: Pascotto, Ciano, Di Toro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.