Colazioni a prezzo bloccato per non far perdere il sorriso ai varesini

Hanno già aderito in 120 esercizi all'inniziativa che promette fino a febbraio caffè, cappuccino e brioche agli stessi prezzi di oggi


Sono tempi troppo tristi per peggiorarli subito di prima mattina. E per mantenere almeno per un po’ il sorriso ai bastonati italiani –
e varesini – la Fipe, società dei pubblici esercenti di
oncfomercio – ha deciso di procedere all’operazione “Un prezzo
da amico” che mantiene a prezzo bloccato il cappuccino e la brioche
mattutini.

“Questa è una campagna che
riguarda solo i bar e solo una fascia ben precisa delle consumazioni
al bar: quella della caffetteria – spiega Antonella
Zambelli,
presidente provinciale Fipe –
È stata
voluta dalla nostra associazione per dare ai clienti un inizio di
giornata più dolce del solito, consentire al lavoratore di
continuare ad andare al bar e bersi il caffè o il cappuccino
senza subire il rischio degli aumenti. Insomma, con questa iniziativa
vogliamo garantire almeno l’inizio di una buona giornata”.

Partita in sordina e solo ora resa
più nota, l’iniziativa ha già visto un
numero di 120 adesioni dai bar varesini.
“Ma rimarrà aperta a
chi vuole aggregarsi per tutto il tempo della sua durata, prevista
finora fino al 28 febbraio: l’adesione è libera, gratuita e su
base volontaria, e l’esercente non è impegnato a niente se non
a rispettare quel che dice nella locandina finchè la tiene
esposta”.

Una locandina che non punta solo al prezzo calmierato
ma anche al mantenimento di un alto standard di servizio. “Perchè
anche quello conta per dare un sorriso alla gente, in un momento in
cui siamo vessati e demoralizzati da ogni parte”, continua Zambelli.

Una scelta totalmente a carico del bar
che lo propone: “Il mantenimento del prezzo fisso è
totalmente a carico dell’esercente
– ricorda Giordano ferrarese,
presidente dell’associazione ristoratori Uniascom, che raduna diversi
bar-ristoranti che forniscono anche le colazioni – indipendentemente
dagli aumenti chei fornitori possono fissare mese per mese. Per
questo è una battaglia anche coraggiosa, che speriamo di
protrarre anche oltre febbraio”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.