Con Iref, la Regione interviene contro le morti bianche

Oltre venti corsi, proposti in diverse edizioni, i cui programmi contengono una pluralità di temi riguardanti la sicurezza sul lavoro

La Regione interviene contro le morti bianche.  Dopo i  numerosi incidenti    avvenuti negli ultimi mesi, in particolare nei cantieri edili, la Giunta regionale ha deciso di investire nella prevenzione .   Tramite l ‘I.Re.F.   ( Istituto Regionale Lombardo di Formazione per l’Amministrazione Pubblica ) è stato avviato un maxi progetto di formazione e aggiornamento professionale, finanziato grazie a residui dei Fondi sociali europei, che coinvolgerà gli enti locali lombardi, Comuni, Province, Comunità montane,  per tenere sotto controllo il rispetto delle norme di sicurezza.

Il progetto è destinato a rappresentanti dei lavoratori, agenti della Polizia Locale, funzionari delle aziende sanitarie e delle amministrazioni presenti sul territorio. Si tratta di oltre  venti corsi  , proposti in diverse edizioni, i  cui  programmi  contengono una pluralità di temi:  la sicurezza sui luoghi di lavoro, i rischi di incendio ed esplosioni, la tutela degli operai nei cantieri edili, le politiche per il risparmio energentico,   la responsabilità sociale delle impres e .  Obiettivo è creare in Lombardia personale competente che verifichi sul territorio l’osservanza di quelle regole che possono evitare ulteriori infortuni .

Una parte del progetto prevede anche l’approfondimento di tutte le tematiche relative all’ innovazione della pubblica amministrazione e  all’E-governament.  Molte delle proposte formative sono già state avviato a Milano, Lodi, Bergamo e Varese, e si concluderrano a fine ottobre .

I programmi dettagliati sono sul sito dell’I.Re.F. www.irefonline.it

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.