Concorso orientagiovani: come mettere in gioco il futuro

Presentata alla Liuc la seconda edizione dellA gara che chiede algli studenti di preparare progetti inerenti il lavoro e la cultura d’impresa

L’appello è rivolto a tutti gli studenti delle classi quarte e quinte delle scuole superiori della provincia. Siano esse istituti tecnici, licei o istituti professionali. Un invito risuonato più o meno così: mettetevi in gioco attraverso il ConcorsOrientagiovani 2008. L’iniziativa è stata presentata ieri dai suoi organizzatori: l’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, l’Università Carlo Cattaneo-LIUC, l’Ufficio Scolastico Provinciale.

Il concorso, giunto alla sua seconda edizione, consiste in una competizione, alla quale i ragazzi potranno partecipare o in squadra o singolarmente. Il terreno sul quale si gioca la partita è quello della preparazione di progetti inerenti il lavoro e la cultura d’impresa, con la possibilità di avvalersi della partnership di un’impresa associata all’Unione Industriali. I temi sui quali gli alunni si potranno cimentare sono quelli relativi ai mercati, i prodotti e i servizi, le risorse umane, la produzione, i processi e la qualità, l’amministrazione e la gestione d’impresa, la sicurezza sul lavoro, l’ambiente, la storia industriale.

«Lo scopo – ha spiegato Alba Ciserani, responsabile dell’Area Formazione e Scuola dell’Unione Industriali – è di incentivare la realizzazione, da parte degli studenti, a sviluppare un approccio attivo di ricerca, analisi e utilizzo delle informazioni utili ai fini di una scelta di studio e lavoro più consapevole». Lo stesso obiettivo che si propone la Giornata Orientagiovani istituita a livello nazionale da Confindustria per guidare i ragazzi, che stanno per terminare il proprio ciclo di studi superiori, nelle scelte relative il proprio futuro. Sia esso lavorativo o universitario. Un’iniziativa che, come sempre, vedrà impegnata l’Unione Industriali nell’organizzazione sul territorio di una serie di incontri. Intorno alla metà di novembre e attraverso una serie di appuntamenti, come da tradizione ormai più che decennale, gli studenti verranno messi in diretto contatto col mondo delle imprese.

È in questo scenario che si inquadra il ConcorsOrientagiovani, le cui lancette sono ormai partite. La presentazione che si è svolta l’8 ottobre all’Università Liuc ha dato il via ad un cammino a tappe serrate per i ragazzi. La loro domanda di adesione dovrà arrivare agli uffici dell’Unione Industriali entro il 28 novembre. Il 2 dicembre si terrà, sempre nelle aule della Liuc, una lezione per aiutare gli studenti nella realizzazioni degli elaborati che dovranno essere consegnati entro il 30 marzo 2009. Il tempo necessario per il Comitato Tecnico Scientifico di fare le proprie valutazioni e poi, ad aprile, ci saranno le premiazioni. In palio, moduli di lingua inglese all’Università Liuc e buoni per l’acquisto di libri e testi scolastici.

«Quest’anno – ha spiegato Michele Puglisi, direttore del CARED, il Centro d’Ateneo per la Ricerca Educativo-Didattica e l’Aggiornamento della Liuc – abbiamo intenzione di andare oltre il numero di partecipanti già alto, e per certi versi inaspettato, che abbiamo registrato durante la prima edizione. Abbiamo allargato i temi sui quali gli studenti potranno cimentarsi proprio per coinvolgere, oltre agli istituti tecnici, anche i licei classici e scientifici».

Un obiettivo coerente con quello dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Varese, rappresentato durante l’incontro da Emanuela Chiarenza: «Per l’anno scolastico 2008-2009 l’intenzione è di incrementare le nostre attività di orientamento dei ragazzi. Tutte le iniziative di alternanza scuola-lavoro, scuola-università, sono opportunità in più per gli studenti che vogliamo garantire».  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.