Confcommercio parla gli studenti

Ha preso il via il progetto di orientamento scolastico dei Giovani Imprenditori, un percorso di comunicazione con gli studenti delle scuole medie inferiori

Ha preso il via il progetto di orientamento scolastico dei Giovani Imprenditori, un percorso di comunicazione con gli studenti delle scuole medie inferiori della provincia di Varese.

L’iniziativa, promossa dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio ha esordito incontrando otto classi di ragazzi di terza media.

L’idea del progetto è quella di coinvolgere gli studenti e gli insegnanti dell’ultimo anno di scuola media inferiore attraverso dei brevi incontri incentrati sulla scelta della scuola superiore. «Abbiamo scelto di operare su questa fascia di età perché il problema dell’abbandono scolastico riguarda soprattutto le scuole superiori, ed è nella maggior parte dei casi frutto di una scelta sbagliata del corso di studi. Una formazione scolastica incompleta è dannosa per la società e per le imprese, perché abbassa la qualità di tutto il comparto lavorativo. Imprese qualificate devono avere personale qualificato e con una cultura che va al di là dell’obbligo scolastico, qualsiasi lavoro si svolga». Queste le parole di Danilo Anselmi, vicepresidente provinciale del Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio e responsabile della commissione scuola e formazione.

  Dal punto di vista operativo, il progetto prevede brevi incontri con i ragazzi, incontri in cui gli imprenditori raccontano se stessi e la propria esperienza di studi, il vissuto di chi, qualche anno prima, sedeva su quegli stessi banchi ed ora ha avviato attività autonome e sta trovando soddisfazione dal proprio impegno. Un altro motivo portante degli incontri è la trasmissione del concetto di flessibilità ai ragazzi: non sempre la scelta di un indirizzo di studi presuppone poi uno sbocco lavorativo ad esso legato. Durante gli incontri si spiegano anche ai ragazzi i requisiti che devono avere i collaboratori delle aziende commerciali. Il tutto con l’ausilio di filmati e interviste agli associati, strumenti più immediati della semplice conferenza.

Sono in programma incontri con le medie tutta la provincia di Varese.  «Lo scopo degli incontri è stimolare i ragazzi a riflettere su loro stessi, perché scelgano con consapevolezza la scuola superiore, e spingerli a prendere in considerazione opportunità che magari non sono state nemmeno pensate. Un altro obiettivo è quello di far percepire ai ragazzi che non è poi così difficile mettersi in proprio se si dispone di entusiasmo e buona volontà», conclude Anselmi.

Successivamente agli incontri sarà consegnato un breve questionario di valutazione che permette al gruppo di lavoro di raccogliere spunti e suggerimenti.

“Sono molto soddisfatta del lavoro svolto dalla commissione formazione. Abbiamo iniziato una grande avventura che speriamo serva ad arginare almeno in parte il fenomeno dell’abbandono scolastico, purtroppo ancora molto forte in Italia. Lo scopo della conferenza di Lisbona è la riduzione dell’abbandono al 10%, e in Italia siamo ancora molto lontani dall’obiettivo. E’ compito di tutte le parti sociali attivarsi per affrontare questo problema” dichiara Alessandra Ceccuzzi, presidente del Gruppo Giovani di Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.