Crisi economica: un sistema allo stadio terminale?

Se ne discuterà giovedì 30 ottobre alle 21 presso la dsse di Comunità Giovanile il vicolo Carpi, 5

Giovedì prossimo 30 ottobre alle ore 21.00, presso la sede di Comunità Giovanile in vicolo Carpi 5 a Busto Arsizio si terrà una conferenza dal titolo: “Un sistema terminale? La crisi economico-finanziaria: causa, effetti e proposte”. Interverranno Stefano Taddei, consulente aziendale, agente in attività finanziarie, responsabile ufficio economia associazione identità europea, e
Fabio Franceschini, consulente ed esperto in pianificazione finanziaria.

Tema quanto mai attuale, la crisi economico-finanziaria aleggia come un incubo, prospettando un nuovo ’29 a cui si guarda con angoscia. “Siamo alla fine del principio” ricordava pochi giorni or sono il ministro dell’Economia Tremonti.

Storditi da dati che si accavallano a dati, termini su altri termini, indici borsistici che attraverso un continuo saliscendi prospettano orizzonti foschi, enormi capitali “bruciati” in pochi minuti, petrolio che precipita (ma la benzina non scende in maniera altrettanto repentina), tassi d’interesse, subprime, prime, euribor e quant’altro viene previsto dal magico mondo della finanza, non si capisce appieno dove sia l’origine del terremoto né le sue imprevedibili conclusioni.

L’incontro, con il contributo del Dott. Taddei e Dott. Franceschini, vuol essere un tentativo di fare un po’ di chiarezza indagando sulle cause della crisi, per capire innanzitutto quanto sia reale, al di là delle “leggende fondanti”. Ma se è possibile fare chiarezza, più arduo e difficile sarà il compito degli ospiti nel tracciare gli effetti di questo repentino mutamento, soprattutto sull’“sull’economia reale”.

Al di là degli aspetti sistemici di causa-effetto di quanto sta accadendo, Comunità Giovanile ritiene che il vero valore di una riflessione condivisa sia la possibilità di comprendere gli elementi culturali e politici che hanno determinato quest’apparente deflagrazione del sistema iper-liberista (o mercatista come è stato saggiamente ribattezzato). Unica via per uscirne, probabilmente, proposte che non potranno più permettersi di slegare il piano dell’economia da quello della società.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.