Crisi mondiale: finanza lombarda in difficoltà

Da uno studio della Camera di Commercio di Milano emerge che le imprese finanziarie più esposte ai problemi di questi giorni sono ventimila

Sono oltre 20 mila le imprese lombarde nel settore finanziario più direttamente esposto alle difficoltà di questi giorni. Il centro è a Milano con oltre 9 mila e cinquecento attività, seguita da Brescia e Bergamo (oltre 2 mila e cinquecento e quasi due mila imprese).
Un settore già in bilico nell’ultimo anno: +0,8% le imprese totali, ma –3% quelle dell’intermediazione monetaria e finanziaria (a Milano altre intermediazioni finanziarie –4,5%, leasing –1,6%, altri crediti –3,3%).


Identikit dell’operatore finanziario in Lombardia e a Milano
.
In Lombardia: 44 anni in media del titolare, maschio nel 79% dei casi, 97,6% italiano (tra gli stranieri prevalgono svizzeri, serbi, egiziani, peruviani). A Milano: 45 anni in media del titolare, maschio nel 81% dei casi, 97% italiano (tra gli stranieri prevalgono peruviani, egiziani, svizzeri, cinesi).

Assunzioni in calo a Milano
-140 nel 2008. 3200 sono gli ingressi nel settore  durante l’anno rispetto ai 3340 del 2007. 110 in meno tra gli specialisti delle scienze gestionali commerciali e bancarie, 30 in meno tra i tecnici delle attività finanziarie e assicurative.

I dati emergono da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al secondo trimestre 2008 e 2007 e su dati Excelsior – sistema informativo permanente sull’occupazione e la formazione realizzato dalle Camere di Commercio, con il coordinamento di Unioncamere nazionale e il sostegno del Ministero del Lavoro e dell’Unione Europea – relativi alle previsioni di assunzioni delle imprese di Milano e provincia per il 2008

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.