Dalla Provincia 350 mila euro per il terzo settore

Pubblicate dall’Assessorato alle Politiche Sociali le graduatorie che assegnano i finanziamenti dei bandi regionali a progetti delle Associazioni senza scopo di lucro e delle Organizzazioni di Volontariato

Sono state approvate dalla Provincia di Varese in questi giorni le due graduatorie che assegnano ad Associazioni senza scopo di lucro e Organizzazioni di Volontariato della provincia di Varese, i circa 350.000 euro messi a disposizione da bandi (in base a quanto previsto dalla legge regionale 1/2008) e finalizzati a sostenere e promuovere le attività del terzo settore.

Associazioni e organizzazioni di volontariato erano state infatti chiamate nei mesi scorsi a presentare progetti e interventi qualificati in grado di rispondere ai diversi bisogni presenti a livello locale, in una logica di rete e di integrazione con quanto già proposto da altri soggetti pubblici e privati.

Anche grazie ad un’informazione capillare, la risposta da parte del terzo settore è stata significativa: sono stati infatti presentati complessivamente 96 progetti.

Vari gli ambiti di intervento.

Si va da iniziative finalizzate a far conoscere ai giovani l’ambiente naturale del territorio in cui vivono, come nel caso del primo classificato nell’ambito delle organizzazioni di volontariato, a progetti che si propongono di rispondere ai bisogni delle persone che hanno maggiori difficoltà tramite uno stretto e innovativo coordinamento tra diversi soggetti del terzo settore, come nel caso della proposta ha raggiunto il massimo punteggio nella categoria Associazioni.

Scorrendo la graduatoria emergono tutti i temi che caratterizzano da sempre l’impegno del terzo settore, come ad esempio l’ambito della salute, fisica e psichica, con iniziative legate alla prevenzione dei tumori “femminili”, al sostegno dei malati di parkinson e di alzheimer e delle loro famiglie; significativa anche l’attenzione nei confronti dei minori, con progetti soprattutto legati alla prevenzione di comportamenti a rischio ed al tempo libero, ma anche con proposte rivolte ai bambini che vivono la difficile esperienza di un ricovero ospedaliero. Non mancano poi le iniziative che coinvolgono le persone disabili, gli anziani, i carcerati e anche progetti di cooperazione con paesi in via di sviluppo.

A fianco di questi ambiti “tradizionali” emergono anche nuovi temi, quali gli interventi rivolti a nuove forme di dipendenza, come il gioco d’azzardo e la sperimentazione di coordinamenti tra associazioni diverse per rispondere a problematiche legate alle cosiddette “nuove povertà” che, anche nel nostro territorio, si stanno manifestando, coinvolgendo un numero crescente di famiglie.

«Questi bandi sono un’opportunità importante per il nostro territorio, perché offrono alle realtà del Volontariato e dell’Associazionismo un supporto concreto per la realizzazione di interventi innovativi e qualificati – ha commentato l’Assessore provinciale alle Politiche Sociali Christian Campiotti – “Leggendo i circa 100 progetti che sono stati presentati, abbiamo notato sia a livello progettuale che di contenuto, un grosso salto qualitativo rispetto al passato. Questo dimostra che il terzo settore in provincia di Varese sta crescendo, non solo nella capacità di rispondere in modo valido ad alcuni bisogni, ma anche nell’attitudine a sviluppare una visione propositiva e strategica su molte tematiche”.

Le graduatorie dei progetti presentati sono disponibili sul sito internet della Provincia di Varese nelle pagine dedicate al Settore Politiche Sociali.

(http://www.provincia.va.it/sociali.htm  poi andare su terzo settore)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.