Damiano Cunego domina il Giro di Lombardia

Il veronese scatta sul Civiglio e vince in solitaria, per la terza volta, la grande classica autunnale partita da Varese. Bravo Garzelli

Quel che ha seminato al Mondiale di Varese, Damiano Cunego lo ha raccolto oggi nel Giro di Lombardia. Il “principe” veronese si aggiudica per la terza volta la grande classica autunnale arrivando in assoluta solitudine sul traguardo del lungolago di Como.


La gara, scattata in mattinata da Palazzo Estense a Varese, si è decisa sull’ultimo dei tanti colli di giornata, il Civiglio. Sulla salita Cunego si è isolato insieme a Horner e a Failli poi, appena scollinato dopo aver visto che i due compagni non potevano dargli una mano, ha prodotto lo scatto determinante.
Non è facile vincere da favorito, ma quest’oggi Cunego non ha davvero avuto avversari che potessero impensierirlo e d’altra parte, alla partenza, aveva dichiarato di sentirsi pronto per l’impresa. Parlavamo di Mondiale, e infatti la Lampre per arrivare al successo ha messo a frutto anche la classe e la gamba del campione iridato Alessandro Ballan. Anche lui, insieme ai compagni, ha lavorato alla grande nel momento che poteva essere più difficile per Cunego, sulla salita del Ghisallo.
Lì, su una delle ascese simbolo del ciclismo lombardo, abbiamo assistito all’azione più bella del nostro Stefano Garzelli che in cuor suo sperava nel colpaccio. Il “Garzo”, con Michele Scarponi, è scattato andando a riprendere i cinque reduci dalla prima lunga azione di giornata guadagnando fino a quasi un minuto sul gruppo dei migliori. Poi però la Lampre si è messa a spingere a tutta, e per il varesino non c’è stato niente da fare. Bravo lo stesso, con un dubbio: se il suo giovane e brillante compagno Failli lo avesse aspettato nel finale, al posto di rimanere a metà strada tra Cunego e il gruppo, magari Garzelli avrebbe potuto riprovarci. Pazienza: Stefano è stato comunque uno dei pochi in grado di impensierire il vincitore.

Con lui vanno registrate il tentativo di Samuel Sanchez, che ha attaccato in discesa come promesso (ma dal Civiglio, non dal San Fermo) per provare a raggiungere Cunego, ma nel finale ha ceduto. Meno bene Cadel Evans, affaticato e sfortunato per la caduta della catena che lo ha costretto a uno sforzo supplementare. Non pervenuti, o quasi, altri favoriti come Gesink o Kolobnev, mentre Visconti si è messo in luce per aver vinto la volata per il quarto posto. Alle spalle di Cunego hanno chiuso Brajkovic e Uran, con il primo che ha esultato pensando di essere davanti a tutti.

102° Giro di Lombardia
Varese – Como, 242 km

Ordine d’arrivo. 1) Damiano CUNEGO (Ita – Lampre-Ngc). 2) Janez Brajkovic (Slo – Astana) a 20”. 3) Rigoberto Uran (Col – Caisse d’Ep.) s.t.; 4) Giovanni Visconti (Ita – Quick Step) a 33”. 5) Kanstantin Siutsiou (Blr – Team Columbia) s.t. 8) Stefano Garzelli (Ita – Acqua&Sapone-Mokambo) s. t.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.