Discariche, Brunello e Cazzago riaprono

Restano chiusi i centri di Morazzone e Carnago, che rimane sotto sequestro. Quello di Cazzago Brabbia era stato chiuso per controlli interni alla società

I centri di raccolta di Brunello e di Cazzago Brabbia riaprono. Lo ha comunicato la Coinger; l’accesso alla struttura di Brunello sarà quindi possibile già da venerdì 03/10/2008. I carabinieri avevano sequestrato tre impianti, Brunello, Carnago e Morazzone,  all’inizio di luglio: il provvedimento era stato disposto dal gip Giuseppe Fazio, su richiesta del pm Raffaella Zappatini della procura di Varese.  I carabinieri dei Noe (nucleo operativo ambientale) avevano effettuato un’ispezione ad aprile, rilevando irregolarità nelle autorizzazioni di legge per gli scarichi dell’acqua piovana.
Il reato ipotizzato, è la violazione del testo unico ambientale. In particolare: scarichi non autorizzati. Brunello e Morazzone sono state dissequestrate: la prima ha riaperto, la seconda non ancora, mentre Carnago resta sotto sequestro. Cazzago Brabbia invece era stata chiusa il 14 luglio scorso per controlli interni alla Coinger: da venerdì riaprirà anch’essa.

Le strutture a disposizione dell’utenza e gli orari di apertura risultano al momento quelli indicati al link sottostante: http://www3.varesenews.it/documenti/200810/centroraccolta.pdf

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.