Esiste una questione settentrionale?

Due giorni di incontri, organizzati dalle Acli provinciali lombarde, per analizzare da diversi punti di vista la vita del "territorio pedemontano"

Economia, fede, cultura: punti di vista diversi per analizzare la questione settentrionale. Faranno da filo conduttore ai due giorni di incontri – sabato 25 e domenica 26 ottobre – organizzati da Acli Lombardia e dalle Acli provinciali di Bergamo, Como, Varese, Brescia, Lecco e Sondrio a Tavernola vicino a Como. Il seminario di studi, dal titolo "Post fordismo e globalizzazione: esiste una questione settentrionale?", si svolgerà al Salesianum di Tavernola.  


In programma:


Sabato mattina: 9.30 – 12.30

Tema: Lettura del territorio pedemontano dal punto di vista economico e sociale (dati statistici essenziali) con cenni ai principali cambiamenti del sistema produttivo, della gestione dei servizi, del ruolo della famiglia
Relatore
Aldo Bonomi
Direttore dell’Istituto di ricerca Aaster e consulente del Cnel
Contributi
Stefano Tomelleri
Sociologo
Beppe Livio
Formatore Enaip
Conduce
Franco Fragolino
Presidenza regionale
Segue lavoro a gruppi

Sabato pomeriggio ore 15.00-18.30
Tema: Lettura del territorio pedemontano dal punto di vista ecclesiale e religioso: che tipo di religiosità esprimiamo, come viviamo la vocazione di laici nella Chiesa e nella società
Relatore
Don Giuseppe Grampa,
direttore del mensile della diocesi di Milano, il Segno e docente di filosofia delle religioni a Milano, a Padova e a Scutari, in Albania
Contributi
Don Angelo Cupini
Fondatore Comunità “Via del Gaggio” di Lecco
Fabio Pizzul
Direttore Radio Circuito Marconi
Patrizia Brambilla e Giampiero Zendali
Esperienza condominio solidale
Conduce
Ruffino Selmi
Presidenza regionale
Segue lavoro a gruppi
Ore 18.30 S. MESSA
Ore 21.00 Incontro con Padre Elio Della Zuanna
Accompagnatore spirituale Acli nazionali

Domenica mattina ore 9.00-12.30
Tema: Abitare il territorio pedemontano da protagonisti. Come rispondere alla sfida culturale, economica e sociale per rianimare la società civile, per contrastare la paura e l’incertezza, la logica dell’esclusione e dell’arroccamento
Tavola rotonda con
Ivo Nizzola
Preside Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo
Angelo Onger
Giornalista della rivista Madre
Fausto Tagliabue
Segretario generale Cisl di Como
Sergio Silvotti
Portavoce Forum nazionale del Terzo Settore
Valeria Negrini
Confcooperative di Brescia
Marco Giovannelli
Direttore di Varesenews
Conduce
Giambattista Armelloni
Presidente Acli Lombardia
Conclusioni
Andrea Olivero
Presidente Acli nazionali


Come si arriva al Salesianum di Tavernola:
Dall’autostrada
Uscita Como Nord; percorrenza di via Asiago fino alla rotonda di Tavernola; alla rotonda salire a destra (via Tibaldi) e proseguire per
via Conciliazione fino al n. 98.
Dalla città di Como
Lungolago o circonvallazione in direzione Villa Olmo; costeggiare il lago (via Regina) fino a Tavernola; al 1° semaforo (di fronte imbarcadero Tavernola) svoltare a sinistra e proseguire fino al n. 98 di via Conciliazione.
Dalla stazione FF.SS. di Como S. Giovanni
Autobus n. 11 direzione Ponte Chiasso;
fermata “a richiesta” all’altezza del n. 98 di
via Conciliazione in località Tavernola.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.