“Guerra tra bande”, 19enne in manette per tentato omicidio

Dimesso dall’ospedale Niguarda dove gli è stato amputato un dito di una mano dopo le risse di settimana scorsa, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Saronno

È stato arrestato dai carabinieri appena dimesso dall’ospedale Nigarda di Milano. L’accusa è quella di essere uno dei protagonisti delle varie risse che si sono consumate a inizio settimana scorsa nel Saronnese. Risse dove sono rimaste gravemente ferite due persone (una di origine egiziane e una tunisina) e che sono poi degenerate in una “guerra tra bande” fermata solo dall’intervento dei militari.
In manette è così finito un 19enne di origine tunisina che si aggiunge alle due persone già arrestate dai carabinieri della Compagnia di Saronno. Il ragazzo si trovava in ospedale perché aveva riportato una gravi lesioni e l’amputazione di un dito di una mano. Secondo le prove raccolte dai carabinieri di Saronno, sarebbe infatti responsabile della “spedizione punitiva” oraganizzata dai tunisini nei confronti degli egiziani a Turate, dopo la rissa della sera prima in stazione a Saronno. A Turante è rimasto ferito gravemente un egiziano che ha riportato una perforazione a un polmone e proprio per questo il 19enne arrestato nelle ultime ore dovrà rispondere all’accusa di tentato omicidio. Attualmente si trova nel carcere di Busto Arsizio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.