I Giovani Democratici: bene i nostri gazebo

"Il nostro banchetto è stato un successo, abbiamo offerto un aperitivo che ha permesso di parlare con molte persone"

I Giovani Democratici di Varese saranno presenti in queste settimane per mostrare la loro preoccupazione; sabato il primo gazebo è stato organizzato in Corso Matteotti."Il nostro banchetto è stato un successo,-dice Andrea Civati, responsabile giovani del PD-abbiamo offerto un aperitivo che ha permesso di parlare con molte persone, giovani e meno giovani: abbiamo cercato di spiegare perchè coscienza civica e scuola stanno andando indietro." I Giovani del Pd hanno anche distribuito palloncini multicolori per sensibilizzare tuttà la città di Varese su ciò che significa il razzismo: "Questo fenomeno odioso non può passare inosservato;-continua Civati- con questo gesto abbiamo voluto spiegare che il mondo non è bianco o nero, ma è fatto di tante diversità. La vera sfida è la coesistenza di questi patrimoni differenti."
Dunque, i temi al centro dell’attenzione dei Giovani democratici sono integrazione e scuola, temi apparentemente distanti, ma non così tanto:"L’ultima proposta delle classi riservate a chi non parla italiano è l’ennesimo segnale di una politica che è ben lontana dal capire quale sia il modo migliore di trattare gli stranieri. L’imperativo categorico assoluto da seguire è "integrazione", e non "ghettizzazione"!", spiega Gianluca Sampogna, uno dei Giovani democratici.
La Gelmini è nell’occhio della bufera:"Il ministro Gelmini ha scelto la strada dei "tagli incondizionati" sulla base di argomentazioni che trovano un’immediata contestazione nei dati-continua il giovane democratico- Al di là delle considerazioni pedagogiche, la riforma è da rivedere, dal momento che causerà la morte dell’istruzione pubblica in favore di quella privata."
I Gd saranno presenti con altri presidi nelle prossime settimane e andranno a Roma il 25 Ottobre per dire no al governo Berlusconi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.