I sapori tradizionali si impossessano di Villa Bozzolo

Domenica 12 ottobre la splendida dimora d'epoca ospita una giornata tra prodotti tipici e musiche popolari organizzata dalla Comunità Montana della Valcuvia

Funghi, castagne, cioccolato e caprini: torna domenica 12 ottobre l’appuntamento con "Sapori e tradizioni della Valcuvia", l’occasione per gustare i prodotti d’eccellenza della zona, nell’atmosfera d’altri tempi di Villa Bozzolo a Casalzuigno.

Numerose le iniziative previste durante la giornata: dalle 10 alle 18 si potranno assaggiare e acquistare le prelibatezze dei produttori locali o le fantasiose delizie di cioccolato. Sarà poi allestita una mostra micologica da parte del Gruppo di Cittiglio mentre un’esposizione verrà curata dal nuovo Museo della cultura rurale Prealpina di Brinzio: il percorso permette di riscoprire le arti e i mestieri del passato legate in particolar modo alla coltivazione delle castagne.
A Villa Bozzolo farà quindi tappa la mostra "Tramvie del Varesotto": un viaggio nel tempo, non troppo lontano, per riscoprire attraverso fotografie e documenti d’epoca il reticolo di ferrotramvie e funicolari che si snodavano in provincia dal 1885 al 1966 attraversando anche la Valcuvia dove molte stazioni sono ancora visibili. Durante tutto il pomeriggio inoltre la musica e i balli del gruppo folkloristico dei "Tencit" di Cunardo rallegrerà l’atmosfera con ritmi e melodie della tradizione popolare locale.

In una stagione adatta per i funghi non poteva mancare un convegno micologico dalle 10.30, rivolto agli appassionati dei prelibati prodotti del sottobosco. Intervengono Mauro Furiga, presidente del Gruppo micologico di Cittiglio, e il micologo Sergio Ruini. Inoltre il vice direttore della Direzione generale della sanità lombarda, Luigi Macchi, interverrà sul tema "Intossicazione da funghi: attività di prevenzione attivate dalla Regione Lombardia”. Al termine dell’incontro il presidente di Comunità Montana della Valcuvia Marco Magrini consegnerà le targhe a tutti i partecipanti al corso organizzato dal Gruppo micologico di Cittiglio in collaborazione con l’Ente montano. «Questa iniziativa – spiega lo stesso Magrini – si inserisce nel contesto di conoscenza e promozione del territorio e dei suoi prodotti di eccellenza tra cui ci sono anche i funghi. Facciamo in modo di poterli raccogliere e gustare in tutta sicurezza. Oltre alle lezioni per riconoscere le varie specie e la loro commestibilità, è attivo da anni lo sportello micologico gratuito presso la Comunità Montana; la manifestazione vuole dare visibilità a tutti quanti si adoperano per tenere viva la cultura delle nostre valli: dalle specialità gastronomiche alla tradizione contadina, dai canti popolari al recupero di documenti e foto d’epoca».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.