Il PdCI invita tutti alla manifestazione dell’11 ottobre

Avviare una vertenza per difendere i diritti, aumentare i salari e le pensioni, lottare contro l’aumento dei prezzi gli obiettivi della mobilitazione

Riceviamo e pubblichiamo la chiamata alla manifestazione dell’11 ottobre contro il governo da parte della sezione locale dei Comunisti Italiani.

Avviare una vertenza per difendere i diritti, aumentare i salari e le pensioni, lottare contro l’aumento dei prezzi. Le prime mosse del Governo Berlusconi delineano una politica economica e sociale volta a far pagare ai ceti meno abbienti. Un grave arretramento. Serve opposizione forte e unita. Nel nostro paese si aggravano le condizioni di vasti strati sociali,sempre piu’ impoveriti e disarmati dall’aumento generalizzato del costo della vita. Salari e pensioni sono erosi dal lievitare di prezzi e tariffe, mentre il Governo, inerte, lascia fare e alimenta l’attacco ai diritti e alla sicurezza del lavoro.

La precarieta’ e’ in aumento e l’Italia e’ sempre piu’ povera e meno competitiva.Calano la produzione industriale e gli investimenti,con interi settori che ricorrono alla Cassa Integrazione e ai licenziamenti.
Gli interventi del governo nella scuola,sanita’ e servizi puntano a dequalificare per favorirne la svendita ai privati.Il  caso Alitalia e’ emblematico di questa politica:si regala la polpa ai privati e si accollano i costi ai lavoratori e ai contribuenti. Non c’e’ piu’ traccia alcuna di lotta all’evasione fiscale e alla precarizzazione del lavoro.

Il confronto in corso tra le parti sociali sulle regole contrattuali e’ manomesso in partenza dal governo che ha fissato all’1,7% il tasso di inflazione programmata!Ridicolo,a fronte di un’ inflazione reale oltre il 4%! Se cosi’ fosse, nei prossimi anni si realizza di fatto un blocco di salari e pensioni, con una perdita secca di tutti i redditi da lavoro dipendente.In realta’ l’obbiettivo di governo e Confindustria e di cancellare ogni tutela del mondo del lavoro, di scardinarne la unita’, di frantumare e dividere i lavoratori cosi’ da sottoporli ad ogni ricatto.

Il PdCI ritiene essenziale difendere e rafforzare il Contratto nazionale di lavoro,vero strumento per  tutelare diritti e salario nella piccola come nella grande impresa. Occorre voltare pagina, a partire dalla politica sindacale! Riteniamo necessario che il sindacato avvii un confronto nei luoghi di lavoro,ne raccolga i bisogni e le richieste e definisca una piattaforma e una vertenza generale che ponga al centro  diritti,prezzi,fisco,salari,pensioni e stato sociale. La situazione sociale e’ talmente grave che richiede uno scatto di tutta la opposizione,capace di mobilitare e contrastare le politiche di governo e Confindustria. Per queste ragioni il il PdCI di Varese aderisce e invita a partecipare in massa alla manifestazione nazionale a Roma dell’11 ottobre,promossa da un ampio arco di forze politiche e sociali. Partenza pullman da Varese

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.