Il Presidente Penati smentisce le voci sul termovalorizzatore

Il Presidente della Provincia nega che si stia pensando di realizzare un termovalorizzatore nei comuni d Opera, Pieve e Rozzano

«Sulla vicenda dei rifiuti e l’eventualità di realizzare un nuovo termovalorizzatore, non è compito della Provincia di Milano individuare l’area dove localizzare il nuovo impianto».

Così il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati interviene sulla questione dei rifiuti nell’area metropolitana milanese, smentendo le voci di una decisione di individuare nel Sud Milano, in un’area vicino ai Comuni di Opera, Pieve Emanuele e Rozzano, l’area dove costruire un nuovo termovalorizzatore.

 

«Come ho più volte ribadito – spiega Penati –  il piano rifiuti della Provincia non prevede la localizzazione degli impianti, ma indica soltanto qual è il fabbisogno di smaltimento dei rifiuti per l’area metropolitana milanese, ponendo come obiettivo la garanzia della piena autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti. Vogliamo che l’area metropolitana milanese sia in grado di smaltire con i suoi impianti i rifiuti che produce, anziché mandarli in giro, per smaltirli in altri impianti, spendendo altri soldi per il trasporto».

 

«Sono pertanto irresponsabili – aggiunge il presidente della Provincia di Milano-  le dichiarazioni di chi, nel Comune di Milano, parla di una precisa ubicazione di un nuovo termovalorizzatore in un’area del Sud Milano prossima ai territori di Opera, Rozzano e Pieve Emanuele: una localizzazione che come Provincia di Milano abbiamo sempre definito inadatta e inopportuna».

 

«La Provincia di Milano – conclude Penati – sta al fianco dei tre sindaci, e proprio per sostenere la loro iniziativa stamattina ho organizzato un incontro con i primi cittadini di Opera, Rozzano e Pieve Emanuele, con cui ci vedremo nei prossimi giorni».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.