Il puzzle delle Acli

Post fordismo e globalizzazione: esiste una questione settentrionale? Il tema dei due giorni di seminari delle sei realtà della fascia pedemontana

Ambizioso seminario di studio delle Acli “pedemontane”. Una due giorni fitti fitti di incontri, relazioni e gruppi di studio. Il filo conduttore era: Post fordismo e globalizzazione: esiste una questione settentrionale?
Sabato è stato il turno di Aldo Bonomi e Stefano Tomelleri. Nel pomeriggio poi uno sguardo ai territori dal punto di vista ecclesiale con don Giuseppe Grampa. Domenica l’attenzione è stata dedicata ai “protagonisti” della scena sociale con la presenza di Fausto Tagliabue, segretario generale della Cisl di Como, Sergio Silvotti, protavoce del forum del Terzo settore, Valeria Negrini di Confcooperative di Brescia e i giornalisti Angelo Onger e Marco Giovannelli.
Ha coordinato l’incontro Gianbattista Armelloni e chiuso i lavori Andrea Olivero, rispettivamenti presidenti delle Acli Lombardia e nazionale.
Un momento di confronto e di ascolto sulle dinamiche sociali e sul bisogno del comunicare quanto si sta realizzando all’interno dell’associazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.