Il senatore Rossi: “Regole, ma puntare anche sull’integrazione”

L’opinione del parlamentare varesino del gruppo del Pd dopo la proposta della lega di introdurre il permesso di soggiorno a punti

Introdurre rigidità e controlli sugli immigrati può servire, ma solo se questo viene accompagnato da misure che garantiscano l’integrazione sociale delle comunità straniere. Non ha indecisioni sull’argomento il senatore varesino del Pd Paolo Rossi (foto), che interviene sul dibattito in merito al permesso di soggiorno a punti per gli stranieri citando l’esempio della Germania: «Un paese che ospita milioni e milioni di turchi, dove certamente sono in atto misure più severe per certi versi di quelle adottate in Italia, ma dove la parola integrazione viene abbinata al rispetto della legge». «Lo dice anche la Chiesa – continua il senatore – : la politica dell’integrazione è l’unica che può garantire il rispetto dei diritti delle generazioni di immigrati che sono arrivate in Italia con l’intento di lavorare e di vivere civilmente: applicare nuove norme che introducono delle rigidità, se non accompagnate a politiche sociali, produce il clima che stiamo vivendo, con esagerazioni inaccettabili».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.