In concerto gli “Hardiskaunt”, ritmi e culture dal mondo

L'appuntamento è per sabato 1 novembre, alle cantine della Coopuf di Via De Cristoforis. La serata è parte della rassegna "Un posto nel mondo" e Borchia, bassista del gruppo ci racconta di loro

Imperdibile l’appuntamento di sabato 1 novembre, alle 22, alle Cantine El Quixote per gli amanti dello ska. Sul palcoscenico in via De Cristoforis protagonisti saranno gli “Hardiskaunt”, il noto gruppo della provincia varesina ed esattamente della “sponda magra” del lago maggiore.

Uno stile, quello degli Hardiskaunt, che racchiude influenze d’oltre ocenano, lo ska jamaicano è cantato in italiano e spagnolo, miscelato al reggae, funky, punk, swing, surf con percussioni, tastiere e fiati in pieno stile latino-americano. Una musica che da voce a culture differenti, così come vuole essere Un posto nel mondo” la rassegna di cinema e documentazione sociale che li vede ospiti.
Davide Borchia, bassista e leader del gruppo da dodici anni – oltre che essere l’unico elemento che dagli esordi ad oggi è parte della band – spiega infatti “La nostra musica è un esempio di interculturalità. Lo ska nasce negli anni ’60 in jamaica e si avvicina al rhytm and blues, noi abbiamo unito a questa contaminazione altre influenze, spagnole, italiane, inglesi. Questo sia nei testi che nel cantato.”  Una miscela di culture a cui, dal 2008, va aggiunta quella argentina. Gli “Hardiskaunt” quest’anno hanno infatti implementato nella formazione Numa, cantante e chitarrista latino – americano. “Il suo arrivo è stato un cambiamento importate. – continua Borchia – Facciamo sempre dello ska ma il nuovo cd avrà influenze latino – americane e ci saranno i ritmi della salsa, della cumbia. Prenderanno più spazio le sonorità del latin-ska.”
Gli Hardiscount, dopo i diversi cambiamenti che la formazione ha subito negli anni, sono Numa alla voce e alla chitarra, Davide Borchia al basso, Michele seconda voce e chitarra, Marco alla voce e alla tastiere, Stefano al basso, Emiliano al sax, Greg alla tromba, Biagio al trombona.
Alle spalle una carriera artistica che vede il gruppo girare i palcoscenici italiani ed europei e una discografia che li vede incidere nel 1997 il primo demo, “Greatest hits number 7”, nel 2000 il loro primo cd  “Skaterpillar” (Spondamagra Records), nel 2003 esce “Ed è subito party!” (Tube Records) e nel 2006 arrivano a “La buena y la mala onda”, una produzione internazionale distribuita in tutto il mondo dall’etichetta tedesca Grover e per il futuro si prevede già un altro progetto musicale. Ad arricchire ancora di più il loro lavoro risultano le collaborazioni di Fabio Buonarrota (tromba dei Vallanzaska) e Silvano De Tomaso ( percussionista degli Impacto Latino) nonché di Peter Truffa (piano dei New York Ska Jazz Ensamble). La serata è dunque quella per un “Skahalloween” ricco di ritmo ed energia e, come assicura Borchia “Vi aspetta una grande festa, come sempre quando ci sono gli Harddiscount”. Per maggiori informazioni è possibile scrivere alla mail el_quixote@katamail.com  o visitare il sito www.myspace.com/el_quixote   www.coopuf.it.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.