La banda di Guidizzolo aprirà la parata al Columbus Day

Il Vice Presidente Lucchini guiderà la delegazione lombarda. Grande parata il 13 ottobre

Sarà la banda mantovana di Guidizzolo ad aprire quest’anno la parata del Columbus Day di New York, accompagnando con le proprie musiche il palcoscenico in movimento realizzato dalla prestigiosa Sartoria Brancato in collaborazione con il Teatro alla Scala e il Piccolo Teatro di Milano.

“La Grande parata sulla Fifth Avenue –spiega il Vice Presidente del Consiglio Enzo Lucchini (FI-PdL), che guiderà la delegazione lombarda negli USA- sarà ispirata al periodo storico del primo Novecento, anni di fermento e dinamismo che hanno visto la Lombardia protagonista, impegnata a costruirsi quel ruolo di locomotiva d’Italia che l’ha contraddistinta fino ad oggi e che ha dato vita anche ad un’epoca culturale ben precisa. Non a caso al Columbus Day verrà rappresentato con l’accompagnamento bandistico del Corpo Musicale di Guidizzolo il Ballo Excelsior, che nacque agli inizi del secolo scorso e la cui prima avvenne proprio al Teatro della Scala, ballo che mirava a esaltare i valori della modernità e del progresso”.

Su invito della Columbus Citizen Foundation, il Consiglio Regionale della Lombardia partecipa alla manifestazione newyorchese per il settimo anno consecutivo, contribuendo a celebrare l’amicizia tra Italia e Stati Uniti e il contributo dato dalla comunità lombarda allo sviluppo della nazione statunitense. Nella storia molte sono state le occasioni di reciproco aiuto e collaborazione tra i popoli italiano e americano, tra i quali vanno annoverati gli aiuti statunitensi all’Italia per il terremoto di Messina del 1908, che saranno rievocati proprio nell’edizione di quest’anno.

Alla parata, che avrà luogo lunedì 13 ottobre, con il capo-delegazione Enzo Lucchini, saranno presenti anche i Consiglieri regionali Carlo Maccari, Battista Bonfanti, Paolo Valentini, Sveva Dalmasso, Silvia Ferretto, Carlo Porcari e Franco Mirabelli, che saranno preceduti dalla sfilata della banda di Guidizzolo, presente nell’occasione con ben 38 elementi e che ha preparato un repertorio d’eccezione che ben renderà le musiche e le atmosfere di inizio Novecento. A seguire quindi il suggestivo carro lombardo con i ballerini e i costumi della Sartoria Brancato del Teatro alla Scala di Milano.

“Sarà un’occasione straordinaria per promuovere la cultura e la tradizione della moda, dell’arte e della musica italiana –conclude Lucchini– al cui successo hanno contribuito in modo particolare le realtà milanese e mantovana, capaci di esprimere negli anni personaggi e tendenze che hanno fatto epoca e che oggi riproponiamo idealmente con la Sartoria Brancato e con il Corpo Musicale di Guidizzolo”.

“La città di New York –evidenzia il Consigliere Segretario Carlo Maccari– per la sua anima cosmopolita, più di ogni altra si presta ad essere luogo di incontro tra culture diverse ma mai conflittuali, come quelle espresse dal nostro Paese attraverso le sue specificità regionali. Alla base di questa nostra partecipazione c’è pertanto una volontà che non si sottrae al confronto e al dialogo, nel rispetto delle singole tradizioni, culture e storie”.

Soddisfazione Maccari la esprime anche per la presenza della banda di Guidizzolo, Comune di cui è stato sindaco per dieci anni: “Sono particolarmente felice che una delle istituzioni musicali più significative del territorio mantovano possa sfilare per le strade di New York, portando lungo la Quinta Strada i suoi 170 significativi anni di storia”.

“In questi anni –aggiunge il Consigliere Segretario Battista Bonfanti– il Columbus Day ha sempre rappresentato per la Lombardia una occasione di promozione della propria immagine. Celebrare i popoli americani e italiani vuol dire innanzitutto celebrare le comunità lombarda e newyorchese, che di questi due popoli sono l’elemento sicuramente più dinamico e portatore di crescita e sviluppo. Quella crescita e quello sviluppo che caratterizzò l’inizio del Novecento e che quest’anno rievochiamo con legittimo orgoglio”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.