La Regione potrà accelerare le opere per le infrastrutture

Approvata in Consiglio una legge che permette di intervenire su opere di interesse statale e regionale

La legge regionale “Infrastrutture d’interesse concorrente statale e regionale”,  che si propone di accelerare la realizzazione delle grandi opere stradali e autostradali, è stata modificata dal Consiglio e approvata a larghissima maggioranza.

La legge recepisce i rilievi di incostituzionalità, sollevati dal Governo, che riguardavano quelle parti in cui si stabiliva che la Regione potesse intervenire in sostituzione degli organi statali una volta che questi non avessero operato nei termini previsti. Le norme approvate intervengono su quegli aspetti e stabiliscono dunque che la Regione potrà sostituirsi agli organi statali, in caso di loro inerzia, solo in presenza di un’apposita intesa preliminare  con lo Stato che preveda tale possibilità. E questo sia nella fase della progettazione preliminare che in quella definitiva.

 

Un punto importante della legge, oggetto di  parte della discussione  è stato l’articolo  che prevede la possibilità  che le concessioni per la realizzazione delle infrastrutture riguardino anche interventi di carattere insediativo e territoriale, “che possano contribuire all’abbattimento del costo di esposizione finanziaria dell’iniziativa complessiva” (art.10). In quella norma alcuni dei gruppi di opposizione (Rifondazione Comunista, Sd, Verdi, Italia dei Valori)  hanno rilevato il rischio, hanno detto, “di dare il via  ad una  eccessiva pressione speculativa e a un consumo selvaggio del territorio”. Per questo hanno  presentato una serie di emendamenti tesi a sopprimerla.

Una mediazione è venuta dall’Assessore Raffaele Cattaneo, che ha proposto un emendamento, approvato dall’Assemblea a larghissima maggioranza, con il quale si introduce l’obbligo del parere vincolante dei Comuni territorialmente interessati  e della realizzazione  di adeguate opere di mitigazione e compensazione ambientale, sociale e territoriale, a carico della stessa Società concessionaria degli interventi.

In questa nuova versione, la legge è stata approvata con il voto favorevole di tutti i gruppi, tranne Verdi e Italia dei Valori, che hanno votato contro. Si sono astenuti Rifondazione e Francesco Prina del Pd.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.