Le voci della scuola: “Abbasso la Gelmini”,”Preferisco studiare”

Studenti e docenti si sono ritrovati in piazza per manifestare. Uniti dalle critiche alla legge che riforma la scuola. Ma non tutti sono d'accordo

«Anche Varese si è mossa. Abbiamo voluto dimostrare che anche in questa città siamo arrabbiati e preoccupati» Pietro, uno degli organizzatori della manifestazione che ha visto ritrovarsi in piazza XX Settembre oltre 300 studenti, ha così sottolineato il successo di questa manifestazione, messa in piedi all’ultimo momento.

Galleria fotografica

Varese: studenti in corteo 4 di 13

«Vogliamo una scuola che sappia ascoltare i ragazzi, che sappia aiutarli a conoscere – commenta Diego del classico – Sembra che nessuno voglia ammettere che anche noi abbiamo una testa e una voce…».

Sono arrabbiati ma anche infreddoliti, sotto una pioggia che non concede tregua. Nessuno, però, pensa ad andarsene, a ripiegare su un bar o una paninoteca: « Questa non è una riforma. È un taglio di risorse bello e buono. Non esiste un piano di sviluppo. È semplicemente un conto economico» dice Pietro, studente del Classico.

«Sono qui per difendere la scuola pubblica – sostiene Silvia, professoressa di un istituto tecnico – Sono madre e docente e mi oppongo all’idea che si smantelli tutto quello che abbiamo costruito in tanti anni, l’eccellenza raggiunta, per favorire il privato». 

Nelle scuole, l’agitazione coinvolge numerosi professori: non solo il Crespi di Busto, ma anche il Manzoni e il Cairoli di Varese stanno preparandosi ad affrontare collegi docenti dove si valuteranno le posizione su questa riforma e si adotteranno misure adeguate. Pare che la via indicata dall’artistico Candiani di Busto di bloccare tutte le gite stia affascinando anche i colleghi varesini: un segnale di protesta che non incide sulla didattica di classe, pur penalizzando le tante, tanissime iniziative che la scuola offre ai ragazzi.

«Vengono dall’estero per copiare il sistema delle materne e anche quello delle primarie – fa notare Patrizia , maestra – ora lo vogliono smantellare ma chi ci rimetterà saranno i bambini. Come fa una sola insegnante educare bambini dai tre ai sei anni, così diversi tra loro?»
«La prima ricaduta concreta in città sarà la chiusura dell’elementare alla Rasa – commenta Monica, un’altra  maestra – vogliono tornare al maestro unico, riportarci indietro di 40’anni. Oggi, però, i bambini sono diversi, hanno molte più materie da studiare ( inglese, informatica), hanno conoscenze e stimoli differenti. Una maestra non può essere tuttologa. Senza dimenticare, inoltre, che in classe ci sono bambini con handicap, scolari che vengono da altri paesi».

E mentre la protesta si gonfia e invade piazza Monte Grappa, nelle scuole si fa lezione: così al linguistico i 75 studenti sono riuniti in assembrea, mentre al classico il 50% dei ragazzi è seguito dal 50% degli insegnanti. Allo psicopedagogico i 120 studenti sono divisi in classi trasversali per fare lezione: « Siamo in classe perchè non è il nostro sciopero – commentano Marco e Jacopo – nessuno, inoltre, è stato in grado di spiegarci cosa cambierà esattamente. Quindi, in attesa di chiarirci le idee, preferiamo studiare»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2008
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Varese: studenti in corteo 4 di 13

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.