Legge sull’aborto: la Regione perde il ricorso al Consiglio di Stato

I giudici di secondo grado hanno respinto il ricorso presentato contro la sentenza del Tar in merito alla Legge 194

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato dalla Regione Lombardia contro la precedente ordinanza del Tar sulla legge 194 che detta disposizioni in tema di aborto. A darne notizia è la stessa Cgil che nel maggio scorso aveva supportato otto medici nella causa intentata e vinta davanti al Tar chiedendo la censura delle Linee Guida imposte dalla Regione ai medici e alle donne. Il Tar, in quell’occasione, aveva dichiarato che la Regione non poteva stabilire vincoli, frapporre ostacoli, condizionare la libera scelta delle donne e che i medici erano tenuti al rispetto della legge (la 194, appunto) e del codice deontologico. Il Tar – si legge nella nota della Cgil – aveva anche giudicato fondate le ragioni di urgenza e sospeso gli effetti della disposizione regionale, rinviando alla discussione di merito (presumibilmente entro la fine dell’anno) le motivazioni e il giudizio sul provvedimento. L’ordinanza del Consiglio di Stato, confermando l’orientamento del primo giudizio, e quindi la fondatezza della richiesta d’urgenza, impone alla Regione di ritirare quei provvedimenti con cui si stabilisce che l’interruzione terapeutica di gravidanza (necessaria per gravi malformazioni del feto) possa essere praticata solo entro la ventiduesima settimana e tre giorni, e non entro la ventiquattresima.

La Cgil, quindi, ha chiesto che venga riaperto i confronto per adeguare le strutture sanitarie e ospedaliere e garantire le condizioni per l’affermazione dei diritti e delle scelte delle donne.

Secca la risposta de presidente Formigoni: « Non cambia nulla per le nostre Aziende Ospedaliere, che hanno da tempo incominciato a muoversi in questa direzione (aborto terapeutico non oltre la 22ma
settimana, ndr.) sulla base dei deliberati dei propri comitati
etici e continueranno a farlo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.