Mascioni, “azienda pronta a ridurre i licenziamenti”

Il sindacato commenta l’esito dell’incontro con la proprietà: “Chiusura verso la cassa integrazione”

Secondo incontro oggi, 31 ottobre, tra sindacati e proprietà per la crisi della Mascioni tessuti. La trattativa verte sulla decisione dell’azienda di dare il via libera alla mobilità di un centinaio di dipendenti, annunciata qualche settimana fa. Nel corso dell’incontro avvenuto lo scorso 23 ottobre fa tra i sindacati di settore di Cgil e Cisl venne presentata all’azienda una proposta strutturata su tre punti: applicazione della cassa integrazione, riduzione della mobilità e uscita dall’azienda puntando su incentivi.
Almeno sul piano della riduzione dei licenziamenti, sembra che qualche passo avanti si stia facendo. «Sulla prima delle proposte abbiamo una sostanziale chiusura da parete dell’azienda – ha spiegato Doriano Battistin della Filtea Cgil – : con ogni probabilità non verrà richiesta la cassa integrazione straordinaria, mentre sul piano degli esuberi (62 a tempo determinato e 39 contratti a termine) stiamo lavorando per una riduzione dal momento che l’azienda si è detta disponibile a ridiscutere significativamente il numero, partendo appunto da quota “101”.
L’ipotesi potrebbe essere quella di impiegare alcune figure per le quali Mascioni vuole la mobilità, ricollocandole internamente». Sempre secondo il sindacato anche sul terzo punto la proprietà è pronta a discutere sulla possibilità di una eventuale mobilità su base volontaria, e su incentivi.
Ora la palla passa ancora al sindacato che ha in programma un nuovo incontro con l’azienda previsto per metà novembre, quando incontrerà i lavoratori nel corso di una assemblea sindacale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.