Maxi sequestro al porto

Oltre 25 tonnellate di merce, pari a 92.575 articoli vari, sequestrati dall'Ufficio delle Dogane e dalla Guardia di Finanza

I funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Genova, con la collaborazione dei militari del 2° Nucleo del Gruppo della Guardia di Finanza, hanno effettuato, all’interno del porto, un ingente sequestro di prodotti. Oltre 25 tonnellate di merce, pari a 92.575 articoli vari e destinati ad attività commerciali dell’Italia centro-meridionale costituivano il carico di tre container.

Il sequestro ha riguardato 24.434 confezioni di alimentari (liquori, bevande, spezie, farine, legumi, burro d’arachidi, latte in polvere, sardine/tonno in scatola, dadi da brodo, formaggi, frutta secca, cacao, olio di oliva/semi, conserve di carne e cereali); 27.227 confezioni di medicinali (antibiotici, pomate dermatologiche, antipiretici, antimalarici ed antinfiammatori, privi della prescritta autorizzazione del Ministero della Sanità e recanti la falsa dicitura “Made in Italy”); 11.623 confezioni di cosmetici (creme, oli e latte schiarenti, fanghi di bellezza, deodoranti e smalti per unghie); 15.540 sandali in plastica. Oggetto del sequestro anche 3.470 statuette in legno e metallo, 3.200 confezioni di prodotti di toletta, 5.800 minuterie di fantasia, 477 strumenti a percussione, 85 compact disk e 51 orologi da polso al quarzo recanti marchi contraffatti di note case di moda “Gucci”, “Panerai”, “Swatch”, “Chanel”, “Rolex”, “Dolce & Gabbana” e “Patek Philippe”.

Denunciati all’autorità giudiziaria un cittadino senegalese e uno del Ghana responsabili di contrabbando, false dichiarazioni in dogana, commercializzazione di alimentari privi di autorizzazione ministeriale, contraffazione, mancato pagamento dell’accisa sull’alcol e dell’I.V.A. all’importazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.