Obesità e alimentazione: visite gratuite all’Asl

In occasione dell'Obesity Day, i due ambulatori dell'azienda sanitaria riceveranno i pazienti su prenotazione

“Non rimbalzare da una taglia all’altra. Fai centro!” 
È questo lo slogan di Obesity Day 2008,  iniziativa che dal 2001 si ripete il 10 ottobre di ogni anno con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dei rischi legati all’obesità ed al sovrappeso.

L’obesità, infatti, è  ormai ampiamente riconosciuta come malattia cronica ed importante fattore di rischio per l’insorgenza di patologie come il diabete mellito non insulino-dipendente, patologie cardio-circolatorie,  patologie delle vie biliari, alcuni tipi di cancro, disordini muscolo-scheletrici e problemi respiratori.

Nonostante queste evidenze, la prevalenza degli obesi sta crescendo, tanto da indurre gli esperti a credere che l’obesità debba essere ritenuta uno dei maggiori problemi di salute pubblica del nostro tempo. Il tema dell’edizione di quest’ anno è la “weight cycling sindrome”, la sindrome del peso oscillante. Molte persone non sanno che continuando ad ingrassare e dimagrire, si compromettono i meccanismi di dispendio energetico e, quindi, non solo non si dimagrisce ma si ingrassa in misura maggiore. La massa magra perduta con una dieta dimagrante, viene ricostituita solo parzialmente quando si sospende la dieta stessa, mentre  aumenta la massa grassa.

       La Dr.ssa M. Antonietta Bianchi del Servizio Igiene e Nutrizione dell’ASL di Varese fornisce qualche dato relativo alla nostra provincia: da uno studio del 2003, condotto dall’ASL in collaborazione con i Pediatri di Libera Scelta, è emerso che l’obesità riguarda il 7,2% dei bambini (in totale 2700) di età compresa tra i 7 ed i 10 anni, mentre da gennaio 2008 ad oggi, sono state effettuati  167 prime visite e 486 controlli su bambini e ragazzi dai 5 ai 14 anni inviati dai Pediatri al servizio di counseling.

«Anche quest’ anno l’Asl – afferma il Direttore Generale Dr Pierluigi Zeli – aderisce al progetto dell’Obesity day con la piena consapevolezza che si debba dare ampio spazio a tutto ciò che può servire al mantenimento di uno stato di buona salute fisica, psicologica e relazionale e la lotta all’obesità punta ad evitare i disagi sociali correlati e l’insorgenza di malattie cronico-degenerative ».    

Oltre ad un corretto regime alimentare, ricco di alimenti protettivi (almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno), è importante, per mantenersi in forma, una discreta attività motoria: non meno di 30 minuti al giorno. «Per questo motivo l’ASL- ricorda il Direttore Sanitario Dr Elio Marmondi– è impegnata su più fronti nella promozione di stili di vita salutari». Per riacquistare e mantenere il peso ideale, i cittadini con problemi di soprappeso, il giorno 10 ottobre p.v., potranno accedere gratuitamente al servizio di counseling nutrizionale con prenotazione, gradita ma non indispensabile, al numero 0332/277240 o all’indirizzo mail dipprevenzione@asl.varese.it. Oltre a ricevere un controllo gratuito, da parte di personale specializzato, dopo un dettagliato questionario, e la determinazione dell’ "Indice di Massa Corporea”, verrà consegnato materiale informativo, predisposto dall’ADI (Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica) e dall’ASL di Varese,  contenente una serie di indicazioni per compiere il primo passo verso il recupero della forma perduta.

Ecco le sedi degli ambulatori nei quali si svolgerà il servizio ed i relativi orari:

·        Ambulatorio di Varese – Via Ottorino Rossi 9 Pad. Tanzi –  Varese  – piano terra dalle 9.00 alle 16.00

·        Ambulatorio    Via B. Luini 17 – Varese –      piano terra dalle 9.00 alle 16.00

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito http://www.obesityday.org/

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.