Opere pubbliche, variazione di bilancio con polemiche e proposte

"Manovrina" da 1,6 milioni: risorse per la rotatoria di via dei Sassi, l'area mercato, il nodo via Montegrappa-via Piombina. Unanimità per la mozione del PD: "un sottopasso sotto le Nord per raggiungere la zona industriale"

Nella seduta di giovedì 30 ottobre il consiglio comunale ha approvato la terza variazione al bilancio di previsione per il 2008. Anche in questo caso si è trattato di una cifra di una certa consistenza, circa 1,6 milioni di euro raggranellati da economie su mutui accesi in passato per opere completate spendendo meno del preventivato oppure stornando fondi per interventi al momento non realizzabili o in qualche caso "ripudiati" dalla presente amministrazione. Tre le opere cui saranno destinati: la rotatoria all’altezza di via dei Sassi, già prevista fin dalla convenzione del 2007 con la Provincia, la zona del mercato, e l’intervento più rilevante a Sacconago, a cavallo delle Ferrovie Nord, sull’innesto delle vie Piombina e Montegrappa, snodo divenuto col tempo strategico per l’accesso in direzione della zona industriale. Un intervento giudicato, più che prioritario, in emergenza: anche Varesenews se ne era occupata qualche tempo faApprovata anche una mozione targata PD che propone un futuro intervento per connettere la rotonda di via del Chisso con via Piombina attraverso un sottopasso che superi la ferrovia Nord, in modo da creare un collegamento verso la zona industriale di Sacconago al di fuori del centro urbano.

Una "manovrina", quella compiuta sui conti comunali, illustrata dal sindaco Farioli, che ha assunto la delega al bilancio in attesa di trovare la sospirata quadra al cerchio del rinnovo della sua Giunta. «Step successivi di un percorso avviato a maggio con il bilancio preventivo 2008», «terapia shock» citando un titolone di giornale, così Farioli descrive l’attitudine al rigore, al recupero di risorse e lo stop al mutuo facile che vuole (meglio: deve) caratterizzare la sua amministrazione.

I soldi sono stati recuperati tutti da opere avviate sotto l’amministrazione Rosa e in massima parte realizzate, con risparmio sulla spesa inizialmente prevista. Fra quelle "tagliate" spicca invece la semi-pedonalizzazione del centro di Sant’Edoardo lanciata nell’autunno 2005 proprio sotto Rosa e ora, con notevole disappunto dell’ex sindaco, "cassata" perchè «non condivisibile da questa amministrazione» e in conflitto col piano urbano del traffico in studio. Inevitabili e astiosi i rimpalli di responsabilità e le rivendicazioni di meriti fra l’ex primo cittadino e l’attuale maggioranza.

Il Partito Democratico non è stato a guardare e ha perorato energicamente la sua tesi del collegamento stradale da 350 metri da via del Chisso a via Piombina. Il PD lo ha presentato come mozione (di per sè non vincolante) e in tale veste, con la benedizione del sindaco, l’approvazione è stata unanime. Quanto alla variazione di bilancio nel suo complesso, l’opposizione si è astenuta in blocco.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.