Parte Valcuvia Servizi

Approvate ad ampia maggioranza in Assemblea di Comunità Montana le delibere che rendono operativa la nuova società di servizi

Valcuvia Servizi s.r.l. entra in funzione prendendo in carico parte dei servizi e del patrimonio di Comunità Montana. La decisione è stata presa dall’Assemblea comunitaria durante la seduta di lunedì 13 ottobre 2008. Le delibere sull’accordo quadro per la definizione dei rapporti tra Comunità Montana e Valcuvia Servizi s.r.l., il conferimento a quest’ultima dei beni patrimoniali e la gestione diretta di alcune attività sono state approvate con il voto favorevole di 39 Consiglieri.

Quanto deciso durante l’Assemblea porta a compimento un percorso avviato oltre un anno fa con la costituzione della Valcuvia Servizi s.r.l., società a capitale interamente pubblico partecipata da Comunità Montana della Valcuvia e da alcuni Comuni del territorio. La società gestirà la raccolta rifiuti, l’analisi delle acque e il reticolo idrico minore, attualmente di competenza dell’Ente montano. Sarà inoltre proprietaria della piattaforma ecologica e dell’immobile del Pradaccio in cui verranno ubicati gli uffici. Durante la seduta è stato illustrato in maniera dettagliato il piano per il servizio rifiuti, che si farà carico direttamente della raccolta porta a porta di plastica, carta, vetro e ingombranti, le frazioni considerate economicamente convenienti, e della gestione della piattaforma ecologica di Cavona. Si provvederà a dotare l’impresa pubblica di automezzi, strumentazione e personale tale da garantire il funzionamento di tutto il ciclo di recupero e stoccaggio dei materiali riciclabili.

La seduta consiliare di lunedì ha visto l’assenza del gruppo formato da Lega Nord e Indipendenti, ad eccezione del capogruppo Gino Megioranza che ha votato contrario all’accordo quadro e non ha partecipato alle votazioni successive riguardanti Valcuvia Servizi. Simone Foti, membro dell’Assemblea in rappresentanza del Comune di Gavirate, ha dichiarato la fuoriuscita dal Gruppo Valcuviano per problemi esterni all’Assemblea e non ha partecipato a tutte le votazioni sulla società di servizi. Anna Maria Martelossi, Consigliere del Comune dei Laveno Mombello, si è astenuta a tutte le tre consultazioni riguardanti la nuova società.

Soddisfatto il Presidente di Comunità Montana della Valcuvia Marco Magrini per l’ampio appoggio ottenuto e per quel mandato di proseguire nella realizzazione della seconda fase di attivazione di Valcuvia Servizi s.r.l.. Resta l’amarezza per la posizione assunta della Lega Nord a cui rinnova l’invito a partecipare alla discussione e afferma: “mi auguro che in futuro l’atteggiamento della Lega Nord sia maggiormente propositivo e partecipativo.  Considerato che c’è l’esigenza di avere un’ampia condivisione degli obiettivi e delle strategie per migliorare il lavoro fin qui svolto, il loro apporto per noi è importante. Le altre  posizioni assunte in Assemblea, pur rispettabili, sono poco comprensibili da chi dedica il poco tempo a disposizione per amministrare e gestire i problemi della gente, cercando di risolverli in buona fede e nel miglior modo possibile; chi si dedica alla  fanta-politica, nel senso di fantasiosa, ha probabilmente tanto tempo a disposizione. Parlando invece di cose serie e più importanti, mi sento di ringraziare tutto il personale dell’Ente montano per la dedizione e l’impegno profuso in queste settimane e tutti quegli Amministratori che hanno partecipato in questi mesi ai lavori incessanti pianificati dall’Ente con grande senso di responsabilità e nell’interesse del territorio che amministrano. Gli obiettivi che ci prefiggiamo rimangono quelli di trovare soluzioni efficaci, efficienti e trasparenti ai problemi e alle incertezze derivanti dal riordino delle Comunità Montane e dai previsti tagli dei trasferimenti statali agli Enti Locali.”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.